Piazza Affari in rosso. Il Ftse mib scende dello 0,7%, il Ftse Italia All Share dello 0,7% mentre il Ftse Italia Star scende dell'1,3%.

Flash sui titoli in evidenza nella seduta del 27 ottobre:

Trawell

TraWell accelera e tocca i massimi da inizio mese grazie al rinnovo dell'accordo "per la fornitura dei propri servizi integrati di assistenza ai viaggiatori presso l'aeroporto internazionale di Montreal-Trudeau (Canada)" fino a fine 2028. L'aeroporto di Montreal è il terzo più importante scalo canadese. Il titolo dovrà lasciarsi alle spalle la media mobile a 50 sedute, passante da 6,36 euro nel tentativo di risalire la china verso 7,10 circa, poi 8,40 euro, picco di luglio. Nella direzione opposta, discese sotto 5,70 metterebbero nel mirino il supporto dinamico a 5,50 circa, trend line che sale dai minimi del 2020.

  • Target: 7,10 euro
  • Negazione: 5,70 euro
  • RSI (14): neutrale

Italgas

Italgas in lieve rialzo dopo la chiusura del terzo trimestre con ricavi a 340,3 milioni di euro (331,2 un anno fa) e utile netto adjusted attribuibile al gruppo a 97,5 milioni (93,4 un anno fa). Il titolo sta cercando di allontanarsi dalla trend line che scende dai massimi di agosto, superata la scorsa ottava a 5,60 circa, nel tentativo di attaccare i massimi di settembre a 5,79 e di risalire la china fino alla base del gap del 25 agosto a 5,91 circa. Il ritorno sotto la media esponenziale a 50 sedute, ora a 5,60, vanificherebbe i recenti sforzi facendo approdare i prezzi sui supporti a 5,36 circa, minimi allineati di ottobre e luglio.

  • Target: 5,91 euro
  • Negazione: 5,60 euro
  • RSI (14): neutrale

Mediobanca

Mediobanca tocca i massimi da novembre 2019 a 10,625 euro, oltrepassando di pochi centesimi i top di ottobre a 10,61 euro nel giorno dell'approvazione dei risultati di esercizio e consolidati al 30 settembre. L'utile netto trimestrale è salito a 261,9 milioni, in forte crescita rispetto allo scorso anno (+30,9%) ed in miglioramento rispetto al trimestre precedente (+28,6%) con il positivo contributo ai ricavi di tutte le divisioni. Fintanto che area 10,60 non sarà definitivamente alle spalle saranno possibili ripiegamenti verso area 10,35. Sotto questo limite la flessione potrebbe raggiungere la media esponenziale a 50 sedute, a 10,10 circa. Oltre 10,60 via libera invece verso 11 euro.

  • Target: 11 euro
  • Negazione: 10,35 euro
  • RSI (14): neutrale

Saipem

Saipem debole in scia all'andamento dei petroliferi: il greggio arretra dai massimi di ieri pomeriggio. Il future gennaio su Brent segna 84,70 $/barile (da 85,80 circa), il future dicembre sul WTI segna 83,50 $/barile (da 84,90 circa). Il titolo ha interrotto la corsa partita durante l'estate da 1,82 circa dopo aver raggiunto a 2,28 circa i massimi di giugno e il 50% di ritracciamento del ribasso dai top di febbraio. Discese fino a 2,11, media esponenziale a 50 sedute, non comprometterebbero i progressi degli ultimi mesi. Sotto questo riferimento possibile approdo in area 2,00. Oltre 2,30 via libera invece verso 2,38/2,40 circa.

  • Target: 2,40 euro
  • Negazione: 2,11 euro
  • RSI (14): neutrale

(CC - www.ftaonline.com)