Piazza Affari in lieve rialzo. Il Ftse mib guadagna lo 0,5%, il Ftse Italia All Share lo 0,5% e il Ftse Italia Star sale dello 0,6%.

Flash sui titoli in evidenza nella seduta del 15 ottobre:

Banca Popolare Sondrio

Banca Popolare Sondrio in verde grazie a quanto riferito dal Sole 24 Ore: l'ok della BCE al nuovo statuto per la trasformazione in SpA è atteso entro tre settimane. Il titolo si spinge oltre la trend line che scende dai top di maggio, a 3,80 circa, inviando un segnale di forza che potrebbe riattivare la corsa al rialzo verso i massimi estivi a 3,94 circa e più sopra fino a 4,276 euro, top di maggio. Discese sotto area 3,70, punto di passaggio della media esponenziale a 50 sedute, implicherebbero invece un affondo sui supporti a 3,48/3,50, minimo di settembre.

  • Target: 4,276 euro
  • Negazione: 3,50 euro
  • RSI (14): neutrale

Banco BPM

Banco BPM estende il rally di ieri causato dal report di Jefferies e tocca i massimi da giugno. Il Sole 24 Ore e il Messaggero riferiscono che il cda del 4 novembre convocato per l'esame dei conti dei primi nove mesi del 2021 approverà anche il nuovo piano industriale. Il titolo si allontana da area 2,73, dopo il return move sulla trend line che scende dai top di giugno superata a inizio ottobre. Via libera verso i top di giugno a 3,10 circa. Indicazioni di tenore opposto invece sotto 2,67 e alla violazione di 2,50 euro.

  • Target: 3,10 euro
  • Negazione: 2,67 euro
  • RSI (14): neutrale

Inwit

Inwit perde slancio dopo un ottimo avvio. Berenberg ha avviato la copertura su Infrastrutture Wireless Italiane (Inwit) con rating "buy" e target price a 11,85 euro. Il titolo disegna una meeting line a ridosso della trend line che scende dai top di settembre, segnalando la necessità di raccogliere nuove energie prima di proseguire al rialzo verso area 10 e 10,30. Rischio di indebolimento nel brevissimo termine sotto 9,65, per supporti a 9,27, minimi allineati di ottobre e luglio.

  • Target: 10,00 euro
  • Negazione: 9,65 euro
  • RSI (14): neutrale

Dovalue

DoValue guadagna ulteriore terreno dopo il progresso di giovedì e tocca i massimi da inizio settembre a 10,60. Il gruppo ha annunciato un nuovo mandato di servicing in relazione alla cartolarizzazione Progetto Frontier di crediti deteriorati effettuata da National Bank of Greece. Il mandato aumenterà le masse in gestione (Gross Book Value) di doValue in Grecia di circa 6 miliardi di euro (da 26 miliardi al 30 giugno 2021 a 32 miliardi) rafforzando la leadership nel Paese. Il titolo riesce dunque ad allontanarsi con decisione da area 9,60, trend line tracciata dai top di marzo superata ad agosto e testata con funzione di supporto nel mese di settembre, creando le premesse per uno slancio verso i massimi estivi a 10,78 e più in alto fino a 11 euro. Rischio di indebolimento invece sotto 9,50/9,60.

  • Target: 10,78 euro
  • Negazione: 9.50 euro
  • RSI (14): neutrale

(CC - www.ftaonline.com)