Piazza Affari poco mossa. Il Ftse mib scende dello 0,01%, il Ftse Italia All Share sale dello 0,03% e il Ftse Italia Star dello 0,65%.

Flash sui titoli in evidenza nella seduta dell'11 giugno:

Reno De Medici

Reno De Medici (+9%) si lascia alle spale i massimi di aprile a 1,21 circa e raggiunge a 1,29 euro un livello che non si vedeva dal 2002. La spinta propulsiva delle ultime settimane potrebbe non aver ancora esaurito i suoi effetti e potrebbe favorire un ulteriore allungo verso target a 1,44, per il test del lato superiore del canale che sale dai minimi di marzo 2020. Solo il ritorno perentorio sotto 1,21 farebbe temere un calo fino a 1,125. balza oltre il primo ostacolo a 1,116 circa e punta ai massimi di aprile a 1,22 euro e a 1,10 circa, base del citato canale.

  • Target: 1,44 euro
  • Negazione: 1,21 euro
  • RSI (14): ipercomprato

Diasorin

Balzo in avanti per Diasorin (+2,9%) che punta al picco di aprile a 156,90 euro. Una vittoria anche su questo ostacolo rappresenterebbe per il titolo un segnale di miglioramento significativo capace di ricondurre i prezzi in area 170 almeno. Al contrario, discese sotto 138,50 alimenterebbero la fase laterale degli ultimi mesi preludendo a un nuovo test dei minimi di maggio in area 133.

  • Target: 170 euro
  • Negazione: 138,50 euro
  • RSI (14): neutrale

Unieuro

Unieuro (-0,93%) esita dopo aver raggiunto un nuovo record a 31,36 euro. La pausa appare per ora del tutto fisiologica e utile a stemperare l'ipercomprato presente da settimane sui principali oscillatori. Sotto 26,90 possibile test dei supporti in area 25. Segnali di deterioramento dell'uptrend giungerebbero solo sotto 23,60, linea che sale dai minimi di gennaio. Oltre 31,36 via libera verso area 34,50/35.

  • Target: 35 euro
  • Negazione: 26,90 euro
  • RSI (14): ipercomprato

Trevi Finanziaria Ind

Trevi Finanziaria Ind (-4,3%) crolla sui minimi di maggio a 1,22 circa dopo essersi scontrata con un ostacolo tenace a 1,40 circa. Discese sotto 1,17 metterebbero fine al tentativo di rimbalzo visto a partire da fine gennaio anticipando il test di supporti a 1,00 e 0,90 circa. Oltre area 1,40 il titolo dovrà superare anche il picco di febbraio a 1,50 per poter guardare a obiettivi a 1,62/1,64.

  • Target: 1,62 euro
  • Negazione: 1,17 euro
  • RSI (14): neutrale

(CC - www.ftaonline.com)