Piazza Affari negativa sui timori legati alla nuova variante sudafricana. Il Ftse mib scende dell'1,4%, il Ftse Italia All Share dell'1,4% e il Ftse Italia Star dello 0,9%.

Flash sui titoli in evidenza nella seduta del 30 novembre:

Stellantis

Stellantis -3,85% perde terreno. Autonews riferisce che il gruppo sta procedendo con la riorganizzazione modello di distribuzione in Europa: l'obiettivo è avere maggiore controllo dei concessionari e pagare loro circa metà delle commissioni previste attualmente. Secondo Websim l'operazione porterà benefici non prima del medio termine, mentre nel breve potrebbe creare qualche problema a livello commerciale-produttivo e di bilancio causa maggior necessità di capitale investito. Dopo aver violato la trend line disegnata dai bottom di marzo 2020, coincidente a 16,50 circa con la neck line di un testa e spalle disegnato dai massimi di giugno, il titolo è precipitato a contatto con i minimi estivi a 14,85 circa. Sotto questo limite la correzione potrebbe proseguire fino al target della figura in area 12,80/13. Nel breve termine sono tuttavia possibili delle reazioni in risposta all'ipervenduto i cui sono sconfinati i principali oscillatori grafici. Solo il ritorno sopra quota 16,50 allenterebbe le recenti tensioni favorendo un recupero duraturo verso 17,50.

  • Target: 17,50 euro
  • Negazione: 14,75 euro
  • RSI (14): ipervenduto

Tenaris

Tenaris in rosso in scia ai petroliferi: il greggio scivola sui minimi da inizio settembre. Il future febbraio 2022 sul Brent segna 71,65 $/barile, il future gennaio sul WTI segna 68,30 $/barile. Il titolo ha violato un duplice supporto critico a 8,90 circa: la trend line disegnata dai bottom di ottobre 2020 e la media esponenziale a 200 giorni in transito in questo stesso punto. Appare dunque molto elevato il rischio di assistere a ulteriori ripiegamenti in direzione di area 8,00, minimi di settembre. Solo un repentino recupero dei 9,00 euro potrebbe scongiurare la realizzazione di questo scenario, prospettando un allungo verso 9,60 circa.

  • Target: 9,60 euro
  • Negazione: 8,65 euro
  • RSI (14): neutrale

Diasorin

Sale in controtendenza Diasorin +4% che, come di consueto, approfitta delle notizie negative sul fronte pandemia. Il gruppo è attivo nel settore dei test molecolari e scenari in cui nuovi ceppi del coronavirus fossero capaci di aggirare i vaccini potrebbero rendere strutturale la necessità di ricorrere a quantità massicce di tamponi. Stéphane Bancel, chief executive di Moderna, ha dichiarato al Financial Times che gli attuali vaccini non hanno la stessa efficacia sulla variante Omicron rispetto alla Delta. Il titolo ha esteso la reazione avviata la scorsa ottava dai supporti a 175 euro, trend line che sale da maggio e punto di passaggio della media esponenziale a 200 giorni, riaffaciandosi sui primi ostacoli a quota 192/193. Una vittoria su questo limite permetterebbe ai corsi di rivedere i 200 euro, ostacolo determinante per definire lo scenario futuro. Nella direzione opposta, sotto area 175 la situazione potrebbe invece precipitare verso 167,25, minimi di ottobre.

  • Target: 200 euro
  • Negazione: 174,75 euro
  • RSI (14): neutrale

Generali

Generali -1,2% perde terreno in una seduta difficile per i mercati azionari. Bloomberg riferisce che il gruppo triestino è nella short list dei pretendenti per una quota di maggioranza nella compagnia assicurativa tailandese Syn Mun Kong messa in vendita dal principale azionista. L'operazione potrebbe avere un controvalore complessivo di circa 300 milioni di dollari. La flessione che il titolo ha avviato da metà novembre ha comportato la violazione a 17,92 del picco di maggio, avvicinandosi alla prima area di supporto a 17,40. Sotto questo limite resterebbe poi solo la media esponenziale a 200 giorni, a 17,27, per scongiurare un pericoloso peggioramento del quadro grafico di fondo. La tenuta di area 17,27 e la condizione di ipervenduto già presente da alcuni giorni sui principali oscillatori tecnici potrebbero tuttavia favorire una reazione tecnica verso area 18,00.

  • Target: 18 euro
  • Negazione: 17,27 euro
  • RSI (14): ipervenduto

(CC - www.ftaonline.com)