Inflazione: a giugno il tasso e' sceso a +0,5%

Stima provvisoria Istat,nel 2009 a +0,7% se resta stesso livello

(ANSA) - ROMA, 30 GIU - Il tasso di inflazione a giugno e' sceso al +0,5% annuo, rispetto al +0,9% di maggio. Lo comunica l'Istat, in base alla stima provvisoria. Su base mensile, i prezzi al consumo sono aumentati dello 0,1%. Il tasso di inflazione registrato a giugno, pari al +0,5% annuo, e' il piu' basso da settembre 1968, quando si attesto' al +0,4%. L'inflazione acquisita per il 2009, che si avrebbe, cioe', se si continuasse a registrare lo stesso livello rilevato a giugno (+0,5%), e' pari al +0,7%. Sempre in base alla stima provvisoria, l'indice armonizzato dei prezzi al consumo (Ipca, che tiene conto anche di saldi, sconti e vendite promozionali) ha registrato a giugno una variazione di +0,2% rispetto a maggio e una variazione di +0,6% rispetto allo stesso mese del 2008. L'inflazione di fondo, al netto dell'energia e degli alimentari lavorati, a giugno si e' invece attestata all'1,6% (dall'1,9% di maggio); lo stesso dato per l'inflazione al netto dei soli energetici. Gli incrementi tendenziali piu' elevati si sono registrati nei capitoli Bevande alcoliche e tabacchi (+4,9%), Altri beni e servizi (+2,4%) e Istruzione (+2,1%). Variazioni tendenziali negative nei capitoli Trasporti (-4%), Comunicazioni (-0,9%) e Abitazione, acqua, elettricita' e combustibili (-0,1%).(ANSA).