L'ultima lettura dei dati PMI® ha continuato a mostrarci un settore terziario italiano in espansione. L'attività economica ed i nuovi ordini sono aumentati nettamente ed al tasso più rapido da agosto, con le aziende che hanno registrato un rafforzamento della domanda. Questo ha alimentato il più veloce rialzo delle assunzioni in quattro mesi, anche se le pressioni sulla capacità operativa sono rimaste tra Ie maggiori dell'indagine. Allo stesso tempo, le pressioni inflazionistiche si sono intensificate, indicando costi e tariffe in rialzo ai tassi più rapidi mai registrati sinora. L'Indice principale destagionalizzato IHS Markit PMI® dell'Attività Terziaria in Italia è salito a novembre a 55,9 da 52,4 di ottobre, segnalando il settimo mese consecutivo di crescita della produzione terziaria e al valore maggiore da agosto. Le ragioni principali di quest'accelerazione dell'espansione, nel corso del quarto trimestre, sono legate soprattutto al maggiore incremento dei nuovi ordini ricevuti. Il flusso delle nuove commesse è aumentato per la settima volta in altrettanti mesi, indicando a novembre un forte rialzo ed il più veloce da agosto. Allo stesso tempo, dopo il leggero calo di ottobre, le commesse estere sono aumentate segnalando una maggiore domanda proveniente dai mercati chiave come Europa e USA. Il tasso di crescita delle esportazioni è stato solo marginale, ma il più veloce da luglio. Questo ha alimentato il tasso di assunzione, con le aziende dei servizi che a novembre hanno continuato ad accrescere la loro forza lavoro prolungando l'attuale sequenza di creazione occupazionale iniziata a maggio, collegandola alle forti vendite. Il tasso di incremento è stato peraltro forte ed il più rapido da Attività economica e nuovi ordini in aumento a tassi più rapidi Il più veloce incremento dei livelli occupazionali da luglio Pressioni inflazionistiche mai registrate prima Include IHS Markit PMI® Composito italiano luglio. Ciononostante, a novembre la pressione sulla capacità ha continuato a crescere visto che il livello di commesse inevase è aumentato per la settima volta in otto mesi. È da sottolineare che il tasso di accumulo di ordini in giacenza è stato il più elevato da maggio 2006.

(CC - www.ftaonline.com)