Nessun dietrofront anzi un'ulteriore stretta quella decisa da Joe Biden contro la Corporate China. Il presidente Usa ha infatti firmato giovedì un ordine esecutivo che aumenta a 59 le società cinesi in blacklist, contro le 31 che secondo l'amministrazione di Donald Trump "consentono lo sviluppo e la modernizzazione" delle forze armate cinesi e "minacciano direttamente" la sicurezza degli Stati Uniti. L'ordine esecutivo di Biden, effettivo a partire dal prossimo 2 agosto, conferma il divieto per i cittadini americani di possedere e scambiare partecipazioni in colossi come China Mobile e China Telecommunications. Soltanto Xiaomi, messa in blacklist da Trump, era riuscita lo scorso mese a ottenere la rimozione del divieto da parte di un tribunale Usa.

(RR - www.ftaonline.com)