Il Consiglio di Amministrazione di Juventus Football Club, riunitosi oggi sotto la Presidenza di Andrea Agnelli, ha, inter alia, approvato il progetto di bilancio d'esercizio e il bilancio consolidato per l'esercizio chiuso al 30 giugno 2021, che sarà sottoposto all'approvazione dell'Assemblea degli Azionisti, convocata per il 29 ottobre 2021, alle ore 10:30, in unica convocazione, presso l'Allianz Stadium.

Ecco in sintesi i dati principali.

||ANNUALE|Variazioni *|
|
Importi in milioni di Euro|30/06/2021|30/06/2020
|Assolute|%|
|Ricavi e proventi|480,7|573,4|(92,7)|-16,2%|
|Costi operativi|449,3|414,1|35,2|8,5%|
|Ammortamenti e accantonamenti netti|228,6|226,4|2,2|1,0%|
|Risultato operativo|(197,2)|(67,1)|(130,1)|-193,9%|
|Risultato prima delle imposte|(207,8)|(81,7)|(126,1)|-154,3%|
|Perdita dell'esercizio|(209,9)|(89,7)|(120,2)|-134,0%|
||SALDI AL|Variazioni *|
|
Importi in milioni di Euro|30/06/2021|30/06/2020
|Assolute|%|
|Patrimonio netto|28,4|239,2|(210,8)|-88,1%|
|Indebitamento finanziario netto|389,2|385,2|4,0|1,0%|

..*

*SINTESI DEI RISULTATI *

Per una corretta interpretazione dei dati occorre in primo luogo rilevare che l'esercizio 2020/2021 è stato significativamente penalizzato - come per tutte le società del settore - dal perdurare dell'emergenza sanitaria connessa alla pandemia da Covid-19 e dalle conseguenti misure restrittive imposte da parte delle Autorità. La pandemia ha influenzato in misura rilevante - direttamente ed indirettamente - i ricavi da gare, i ricavi da vendite di prodotti e licenze e i proventi da gestione diritti calciatori, con un conseguente inevitabile impatto negativo sia di natura economico-patrimoniale sul risultato d'esercizio e sul patrimonio netto, sia di natura finanziaria sul cash-flowe sull'indebitamento. Tali effetti negativi sono stati in parte compensati da maggiori proventi da diritti radiotelevisivi per effetto del posticipo dall'esercizio precedente di alcune partite delle competizioni nazionali e internazionali a causa della pandemia.

L'esercizio 2020/2021 chiude pertanto con una perdita consolidata di € 209,9 milioni, rispetto alla perdita di € 89,7 milioni dell'esercizio precedente.

Nel dettaglio, l'incremento della perdita dell'esercizio è principalmente dovuto a minori ricavi per € 92,7 milioni, correlati sia agli effetti direttamente imputabili alla pandemia sui ricavi da gare e da vendite di prodotti, licenze e altri (€ 47,9 milioni complessivi), sia a minori proventi da gestione diritti da calciatori (€ 128,8 milioni); tali effetti negativi sono stati in parte compensati da maggiori proventi per diritti radiotelevisivi (€ 68,9 milioni, di cui € 63 milioni legati al sopracitato maggior numero di partite disputate nel periodo in esame). Si segnala inoltre il positivo andamento - nonostante il difficile contesto - dei ricavi da sponsorizzazioni e pubblicità, in incremento rispetto all'esercizio precedente, nonché l'aumento dei ricavi dell'e-commerce, che in parte compensa l'inevitabile calo dei ricavi del canale dei negozi fisici.

I costi operativi sono risultati in incremento di € 35,2 milioni, principalmente per effetto di maggiori oneri su personale tesserato, integralmente e regolarmente corrisposti nel periodo di riferimento; la variazione è imputabile al fatto che tale voce ha beneficiato nell'esercizio precedente di minori costi legati a rinegoziazioni individuali con il personale tesserato correlate al contesto pandemico.

Gli ammortamenti, le svalutazioni e gli accantonamenti netti sono risultati nel complesso stabili.

Il patrimonio netto del Gruppo al 30 giugno 2021 è pari a € 28,4 milioni; la variazione rispetto al saldo di € 239,2 milioni del 30 giugno 2020 deriva quasi totalmente dal risultato di periodo (€ -209,9 milioni).

Al 30 giugno 2021 l'indebitamento finanziario netto ammonta a € 389,2 milioni (€ 385,2 milioni al 30 giugno 2020), sostanzialmente in linea con la passata stagione. Il peggioramento di € 4,0 milioni sconta l'effetto negativo dell'intervenuto consolidamento della B&W Nest S.r.l. e dei relativi debiti finanziari ai sensi dell'IFRS 16 per € 14,7 milioni, ma beneficia dei flussi positivi della gestione operativa (€ +42,0 milioni, originati anche da una tempistica particolarmente favorevole di incassi e esborsi), assorbiti dagli esborsi legati alle Campagne Trasferimenti (€ -6,5 milioni netti, dato che include l'effetto positivo per € 55,2 milioni della cessione pro-soluto di alcuni crediti vantati verso società calcistiche estere), dagli investimenti in altre immobilizzazioni e partecipazioni (€ -6,1 milioni netti) e nelle attività finanziarie (€ -10,7 milioni).

Al 30 giugno 2021 il Gruppo dispone di linee di credito bancarie per € 573,1 milioni, non utilizzate per complessivi € 335,9 milioni. Le linee utilizzate - pari a € 237,2 milioni - si riferiscono per (i) € 96,4 milioni a anticipazioni su contratti e crediti commerciali, (ii) € 60,6 milioni a finanziamenti, (iii) € 55,1 milioni a fideiussioni rilasciate a favore di terzi e (iv) € 25,1 milioni a scoperti di conti correnti. A fronte di tali utilizzi, la Società al 30 giugno 2021 dispone di liquidità per € 10,5 milioni, depositata su vari conti correnti.

*PRINCIPALI FATTI DI RILIEVO DELL'ESERCIZIO 2020/2021 *

*Covid-19 *

  • *Lo scenario nazionale e internazionale nell'esercizio 2020/2021 è stato caratterizzato dagli impatti causati dalla pandemia da Covid-19 e dalle conseguenti misure restrittive per il suo contenimento imposte dalle Autorità amministrative, sanitarie e sportive.

Fatto salvo per la partita del 20 settembre 2020 (Juventus vs Sampdoria), giocata in casa con la presenza di pubblico entro il limite di mille spettatori invitati, tali misure restrittive non hanno permesso di disputare partite con presenza di pubblico (con conseguente azzeramento dei ricavi da gare). Inoltre, le misure di contenimento della pandemia poste in essere con il DPCM del 3 novembre 2020 (come successivamente confermate e modificate) hanno comportato, a fasi alterne, la chiusura al pubblico del J Museum e dei negozi, con conseguente impatto negativo sui ricavi da visitatori e da merchandising.

Si evidenzia inoltre che l'emergenza sanitaria da Covid-19 ha comportato lo slittamento della disputa, nei mesi di luglio e agosto 2020, di alcune gare delle competizioni nazionali e internazionali della stagione 2019/2020, determinando il riconoscimento dei rispettivi ricavi da diritti televisivi nell'esercizio 2020/2021.

Nel corso dell'esercizio 2020/2021 il protrarsi della pandemia da Covid-19 ha generato un rilevante impatto negativo diretto sui ricavi (principalmente da gare e da prodotti), rispetto ad un esercizio non influenzato dalla pandemia, quantificabile in circa € 70 milioni, oltre che un impatto indiretto sui proventi da gestione diritti calciatori; l'impatto sui costi non è viceversa risultato significativo, in quanto i risparmi correlati alla mancata disputa di gare sono stati in parte compensati da maggiori costi correlati alla pandemia (in primis, per la sicurezza sanitaria e i dispositivi di protezione).

*Consolidamento di B&W Nest S.r.l. *

**In data 3 luglio 2020, Juventus ha acquistato da Lindbergh Hotels S.r.l. la quota di partecipazione (pari al 60%) da questa detenuta nella B&W Nest S.r.l. (società che gestisce il J Hotel); a seguito di tale acquisizione, Juventus detiene l'intero capitale sociale della suddetta società.

Di conseguenza, la Società è tenuta alla redazione del bilancio consolidato; alla data odierna, l'area di consolidamento include esclusivamente Juventus e B&W Nest S.r.l..

*Stagione sportiva *

Prima Squadra

Il 26 luglio 2020 Juventus ha vinto, per il nono anno consecutivo e con due turni di anticipo rispetto al termine, il Campionato di Serie A 2019/2020 (38° scudetto della propria storia) e ha acquisito l'accesso al Group Stage della UEFA Champions League 2020/2021. Il 20 gennaio 2021 la Prima Squadra ha vinto, per la nona volta, la Supercoppa Italiana. Il 19 maggio 2021 Juventus ha vinto, per la quattordicesima volta, la Coppa Italia. La Prima Squadra si è classificata al quarto posto del Campionato di Serie A 2020/2021 e ha acquisito l'accesso al Group Stage della UEFA Champions League 2021/2022.

*Direzione tecnica Prima Squadra *

**In data 28 maggio 2021 la Società ha cambiato direzione tecnica della Prima Squadra, sollevando dall'incarico Andrea Pirlo (subentrato a Maurizio Sarri ad agosto 2020), con il quale era stato sottoscritto un contratto fino al 30 giugno 2022. A partire dal 1° luglio 2021 il nuovo allenatore della Prima Squadra è Massimiliano Allegri, con il quale è stato sottoscritto un contratto fino al 30 giugno 2025. Analoghi accordi sono stati sottoscritti con i membri dello stafftecnico.

*Juventus Women *

**Il 10 gennaio 2021 la squadra delle Juventus Women ha vinto la Supercoppa Italiana di categoria. L'8 maggio 2021 la squadra ha vinto, per il quarto anno consecutivo (4° scudetto della propria storia), il Campionato di Serie A.

*Direzione tecnica Juventus Women *

**Al termine della stagione 2020/2021 è stato risolto il contratto con l'allenatrice Rita Guarino. Joseph Montemurro, con il quale è stato sottoscritto un contratto fino al 30 giugno 2024, è il nuovo allenatore delle Juventus Women.

*Campagna Trasferimenti 2020/2021 *

**Le operazioni perfezionate nella Campagna Trasferimenti 2020/2021, svoltasi dal 1° settembre al 5 ottobre 2020 e dal 4 gennaio al 1° febbraio 2021, hanno comportato complessivamente un aumento del capitale investito di € 120,6 milioni, che deriva da acquisizioni ed incrementi per € 121,6 milioni e da cessioni per € 1 milione (valore contabile netto dei diritti ceduti). Gli oneri netti derivanti da trasferimenti temporanei sono pari a € 9,4 milioni.

Le plusvalenze nette generate dalle cessioni ammontano a € 30,5 milioni.

L'impegno finanziario netto complessivo, ripartito in quattro esercizi, è pari a € 88,7 milioni, inclusi gli oneri accessori nonché gli oneri e i proventi finanziari impliciti sugli incassi e pagamenti dilazionati.

*Contratto di sponsorizzazione Jeep *

**In considerazione della reciproca soddisfazione della partnership tra Juventus e il brand Jeep dalla stagione sportiva 2012/2013, Juventus e FCA Italy S.p.A. hanno raggiunto un accordo per il rinnovo della sponsorizzazione della maglia gara per le stagioni sportive 2021/22, 2022/23 e 2023/24. L'accordo prevede un corrispettivo base per ciascuna stagione sportiva di € 45 milioni e componenti variabili in funzione dei risultati sportivi.

  • Progetto Super League *

**In data 19 aprile 2021 Juventus ha annunciato la sottoscrizione di un accordo con altri 11 top club europei per la creazione della Super League, una nuova competizione calcistica europea, alternativa alle competizioni UEFA, ma non ai campionati e alle coppe nazionali. La competizione sarebbe organizzata e gestita dalla ESLC (European Super League Company S.L.), di cui ciascun Club Fondatore è socio secondo quote e diritti equivalenti, in modo tale che tutto il progetto Super League sia di proprietà esclusiva dei club e non di terzi, creando quindi una coincidenza tra i soggetti che sopportano il rischio di impresa e quelli che gestiscono i diritti audiovisivi relativi alle competizioni sportive.

Ad oggi non è possibile prevedere con certezza gli esiti e i futuri sviluppi del progetto Super League, della cui legittimità la Juventus rimane convinta.

*Revisione del Piano di sviluppo 2019/24 e Aumento di capitale *

**Il Consiglio di Amministrazione di Juventus del 30 giugno 2021 ha, inter alia, (i) esaminato gli impatti derivanti dal protrarsi della pandemia da Covid-19 e i principali dati economico-finanziari di aggiornamento del Piano di sviluppo per gli esercizi 2019/24 (il "Piano di sviluppo" o il "Piano"), approvato a settembre 2019 (quindi prima dell'inizio della diffusione della pandemia da Covid-19), e (ii) definito le linee guida di un rafforzamento patrimoniale mediante aumento di capitale fino a massimi € 400 milioni.

Rispetto ai dati previsti nel Piano, le stime esaminate dal Consiglio di Amministrazione hanno quantificato in € 320 milioni gli effetti negativi complessivi diretti ed indiretti per il periodo compreso tra marzo 2020 e giugno 2022. Tali stime assumono, tra gli altri elementi, una progressiva riduzione delle misure restrittive nel corso dell'esercizio 2021/22 e una sostanziale normalizzazione del contesto economico generale a partire dal secondo semestre del 2022.

Sulla base di queste ipotesi e assunzioni e tenendo conto delle azioni di mitigazione impostate, Juventus ha confermato gli obiettivi di sostanziale equilibrio economico-finanziario post effetto pandemico e quindi nel medio periodo. Il Gruppo continua, inoltre, a monitorare costantemente l'evolversi della situazione connessa alla pandemia, in considerazione delle incertezze del quadro normativo di riferimento e del complesso e mutevole contesto economico.

L'operazione di rafforzamento patrimoniale mediante aumento di capitale si inserisce nel contesto delle misure atte a far fronte ai rilevanti impatti economici e patrimoniali della pandemia da Covid-19, contribuire all'equilibrio delle fonti di finanziamento e ripristinare le condizioni d'investimento a supporto del raggiungimento degli obiettivi strategici del Piano di sviluppo. In particolare, l'organo amministrativo ha deciso di avviare un percorso per un aumento di capitale di massimi complessivi € 400 milioni, incluso l'eventuale sovrapprezzo, da offrire in sottoscrizione ai soci.

*PRINCIPALI FATTI DI RILIEVO AVVENUTI DOPO IL 30 GIUGNO 2021 *

Campagna Trasferimenti 2021/2022 – prima fase

**Le operazioni perfezionate nella prima fase della Campagna Trasferimenti 2021/2022, svoltasi dal 1° luglio al 31 agosto 2021, hanno comportato complessivamente un aumento del capitale investito di € 36,6 milioni, derivante da acquisizioni ed incrementi per € 67,8 milioni e cessioni per € 31,2 milioni (valore contabile netto dei diritti ceduti).

Le plusvalenze nette generate dalle cessioni ammontano a € 1,8 milioni. L'impegno finanziario netto complessivo, inclusi gli oneri accessori nonché gli oneri e i proventi finanziari impliciti sugli incassi e pagamenti dilazionati, è pari a € 36,9 milioni, ripartito in cinque esercizi.

*Aumento di Capitale *

**Il Consiglio di Amministrazione di Juventus in data 25 agosto 2021 ha approvato la proposta di aumento di capitale sociale a pagamento fino a massimi € 400 milioni, incluso l'eventuale sovrapprezzo, mediante emissione di nuove azioni ordinarie Juventus, prive di valore nominale espresso e aventi le stesse caratteristiche di quelle in circolazione, da offrire in opzione agli aventi diritto (l'"Aumento di Capitale") e ha deliberato di convocare l'Assemblea degli Azionisti per il 29 ottobre 2021, in unica convocazione, per approvare, inter alia, anche il progetto di bilancio dell'esercizio 2020/2021.

L'Aumento di Capitale si inserisce nel contesto delle misure atte a far fronte ai rilevanti impatti economici e patrimoniali della pandemia da Covid-19 e consentirà di rafforzare la struttura patrimoniale della Società e riequilibrare le fonti di finanziamento a supporto del raggiungimento degli obiettivi strategici del Piano di sviluppo per gli esercizi 2019/24, che sono stati confermati: consolidamento dell'equilibrio economico e finanziario, mantenimento della competitività sportiva e incremento della visibilità del brand Juventus. L'azionista di maggioranza EXOR N.V. (che detiene il 63,8% del capitale sociale di Juventus) ha espresso il proprio sostegno all'operazione e si è impegnato a sottoscrivere la porzione di Aumento di Capitale di propria pertinenza. Inoltre, come comunicato il 30 luglio 2021, Goldman Sachs International, J.P. Morgan AG, Mediobanca – Banca di Credito Finanziario S.p.A. e UniCredit Corporate & Investment Banking, che agiranno in qualità di joint global coordinators e joint bookrunners, hanno sottoscritto un accordo di c.d. pre-underwriting con la Società, impegnandosi – a condizioni in linea con la prassi di mercato per operazioni analoghe – a stipulare un accordo di garanzia (c.d. underwriting agreement) per la sottoscrizione e liberazione delle azioni di nuova emissione che non dovessero essere sottoscritte al termine dell'asta dei diritti inoptati.

Subordinatamente al verificarsi di condizioni di mercato favorevoli, all'approvazione dell'Aumento di Capitale da parte dei competenti organi sociali e al rilascio delle necessarie autorizzazioni da parte delle autorità competenti, è previsto che l'Aumento di Capitale possa essere realizzato entro la fine del 2021.

..*

*EVOLUZIONE PREVEDIBILE DELLA GESTIONE E CONTINUITÀ AZIENDALE *

A seguito del perdurare dell'emergenza sanitaria da Covid-19, il contesto economico, finanziario e sportivo di riferimento è ancora caratterizzato da un'elevata incertezza, che rende complesso formulare previsioni attendibili in merito alle possibili evoluzioni di breve-medio periodo. I positivi effetti delle campagne vaccinali in corso, sia in Italia che a livello globale, permettono tuttavia ad oggi di ipotizzare una progressiva riduzione delle varie misure restrittive imposte dalle Autorità nel corso dell'esercizio 2021/2022 e una sostanziale normalizzazione del contesto economico generale a partire dal secondo semestre del 2022.

Il Gruppo continua a monitorare gli sviluppi della pandemia e dei provvedimenti governativi, al fine di adattare tempestivamente la gestione del business stesso al mutevole contesto di riferimento, predisponendo adeguate misure a tutela delle proprie fonti di ricavo e dei propri asset, nonché mantenendo standard elevati sulle misure di salvaguardia della salute e del benessere dei propri tesserati e dipendenti.

Allo stato attuale l'esercizio 2021/2022 – ancora penalizzato in misura rilevante dagli effetti diretti ed indiretti della pandemia – è previsto in significativa perdita. Si segnala altresì che, nel presupposto di sostanziale normalizzazione del contesto economico generale a partire dal secondo semestre 2022, e per effetto delle azioni di razionalizzazione costi e di recupero ricavi impostate nell'esercizio appena concluso e aventi efficacia nel medio periodo, l'andamento economico del Gruppo è atteso in sensibile miglioramento dall'esercizio 2022/2023.

Nella valutazione dell'evoluzione prevedibile della gestione permangono le incertezze tipiche dell'attività calcistica, derivanti, in particolare, dalle performance sportive della Prima Squadra nelle competizioni cui partecipa.

Con riferimento al presupposto della continuità aziendale, gli amministratori hanno valutato che non vi siano significative incertezze, ritenendo sussistere gli elementi che consentono al Gruppo di proseguire l'attività operativa nei dodici mesi successivi dalla data di riferimento del bilancio. Nel formulare tale conclusione si sono tenuti in considerazione i principali indicatori economici, patrimoniali e finanziari contenuti nella revisione del Piano di sviluppo 2019/24 approvata in data 30 giugno 2021 dal Consiglio di Amministrazione, le cui stime quantitative - oggetto di aggiornamento e riesame in data odierna - sono confermate. In particolare, nel primo anno di tale Piano (2021/2022, che rappresenta l'esercizio di Budget), si prevedono un flusso di cassa negativo e una perdita d'esercizio più che adeguatamente coperti dalla rilevante disponibilità di linee di credito non utilizzate alla data del 30 giugno 2021 (pari ad Euro 335,9 milioni) e dai positivi effetti sul patrimonio netto e sull'indebitamento finanziario netto del Gruppo derivanti dell'aumento di capitale in opzione fino ad Euro 400 milioni che sarà sottoposto all'approvazione dell'Assemblea straordinaria del 29 ottobre 2021. Al riguardo, si segnala che in data 27 agosto 2021 l'azionista di maggioranza, EXOR N.V., ha effettuato un versamento in conto futuro aumento di capitale per complessivi Euro 75 milioni, al fine di rafforzare la struttura patrimoniale e finanziaria della Società nelle more dell'esecuzione dell'aumento di capitale. Il predetto versamento costituisce una anticipazione delle somme destinate alla liberazione di parte della quota di aumento di capitale di spettanza di EXOR N.V. e resterà di sua esclusiva pertinenza.

Sempre con riferimento all'operazione di rafforzamento patrimoniale, si segnala inoltre che l'azionista EXOR N.V. si è impegnato a sottoscrivere la quota di aumento di capitale di propria pertinenza (pari al 63,8%) e che la Società ha sottoscritto a luglio 2021, con un pool di primari istituti bancari, un c.d. pre-underwiting agreement, ai sensi del quale gli stessi si sono impegnati a stipulare un accordo di garanzia per la sottoscrizione e liberazione delle azioni di nuova emissione che non dovessero essere sottoscritte al termine dell'asta dei diritti inoptati.

..*

*PIANO DI SVILUPPO PER GLI ESERCIZI 2019/24 *

**Il Consiglio di Amministrazione della Società, alla luce (i) degli effetti della prima fase della Campagna Trasferimenti 2021/2022, (ii) dell'evoluzione del contesto pandemico e, in particolare, delle disposizioni che consentono una parziale riapertura parziale degli stadi, (iii) di aggiornamenti minori che hanno riguardato i contratti commerciali (soprattutto sponsor), ha proceduto ad un aggiornamento e riesame delle stime quantitative del Piano di sviluppo 2019/24, oggetto di revisione nella seduta del Consiglio di Amministrazione del 30 giugno u.s.. Tale riesame ha confermato le stime quantitative del 30 giugno u.s.

..*

*AUMENTO DI CAPITALE – AGGIORNAMENTO *

Facendo seguito alla riunione del Consiglio di Amministrazione del 25 agosto u.s. che ha approvato la proposta di Aumento di Capitale sociale a pagamento fino a massimi € 400 milioni, incluso l'eventuale sovrapprezzo, e la convocazione dell'Assemblea degli Azionisti, si comunica che il Consiglio di Amministrazione ha altresì approvato la relazione illustrativa sull'Aumento di Capitale ai sensi dell'art. 125-ter del D.Lgs n. 58/1998, che sarà messa a disposizione del pubblico nei termini di legge e di regolamento presso la sede sociale, sul sito internet della Società (www.juventus.com) nonché presso il meccanismo di stoccaggio autorizzato www.1info.it.

*PROPOSTA DI MODIFICA DELLO STATUTO SOCIALE *

**Il Consiglio di Amministrazione della Società ha inoltre deliberato in merito alla proposta di modifica di talune clausole dello Statuto sociale, prevedendo, in particolare, (i) all'art. 22 (Sindaci) che le riunioni del collegio sindacale possano svolgersi anche con mezzi di telecomunicazione, e (ii) la soppressione dell'art. 33 (Disposizioni transitorie) essendo il regime transitorio ivi contenuto non più applicabile.

*ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA DEGLI AZIONISTI *

**Il Consiglio di Amministrazione ha convocato per il 29 ottobre 2021, alle ore 10:30, in unica convocazione l'Assemblea degli Azionisti, in sede ordinaria e straordinaria. Pur nel rispetto della normativa e delle disposizioni volte a ridurre al minimo i rischi connessi alla diffusione del virus da Covid-19, la Società – con l'obiettivo di favorire la dialettica assembleare con gli Azionisti – ha deciso di convocare gli stessi presso l'Allianz Stadium. L'avviso di convocazione dell'Assemblea, con il relativo ordine del giorno, sarà reso disponibile nei termini di legge e di regolamento presso la sede sociale, sul sito internet www.juventus.com, nonché presso il meccanismo di stoccaggio autorizzato www.1info.it. L'avviso sarà altresì pubblicato per estratto sul quotidiano "Il Sole 24 ore" del 18 settembre 2021. L'Assemblea, in parte ordinaria, oltre che sull'approvazione del bilancio d'esercizio 2020/2021 sarà altresì chiamata a deliberare in merito al rinnovo degli organi sociali e alla relazione sulla politica in materia di remunerazione e sui compensi corrisposti. L'Assemblea, in parte straordinaria, oltre che sull'approvazione dell'Aumento di Capitale sarà altresì chiamata a deliberare in merito alla proposta di modifica dello Statuto sociale di Juventus.

..*

Il Consiglio di Amministrazione ha inoltre approvato la "Relazione sul governo societario e gli assetti proprietari" e la "Relazione sulla politica in materia di remunerazione e sui compensi corrisposti", che saranno messe a disposizione del pubblico unitamente alla Relazione Finanziaria Annuale 2020/2021 e alle relazioni illustrative del Consiglio di Amministrazione di cui all'art. 125-ter del D.Lgs n. 58/1998, nel rispetto delle modalità e dei termini previsti dalle applicabili disposizioni normative e regolamentari, sul sito www.juventus.com e sul sito internet di stoccaggio autorizzato www.1info.it.

Con particolare riferimento alla "Relazione sul governo societario e gli assetti proprietari", si segnala che il Consiglio di Amministrazione ha altresì deliberato di aderire al nuovo Codice di Corporate Governance delle società quotate (il "Codice"), approvato dal Comitato per la Corporate Governance nel gennaio 2020 e applicabile a partire dal primo esercizio che inizia successivamente al 31 dicembre 2020 (i.e. nel caso di Juventus dal 1° luglio 2021).

La Società darà informativa al mercato sulle modalità di applicazione del nuovo Codice nella Relazione sul governo societario e gli assetti proprietari che sarà pubblicata nel 2022 a valere sull'esercizio 2021/2022. Si ricorda inoltre che la "Relazione sulla politica in materia di remunerazione e sui compensi corrisposti", redatta ai sensi dell'art. 123-ter del D.Lgs. n. 58/1998, si articola in due sezioni che saranno sottoposte all'approvazione dell'Assemblea degli Azionisti. Ai sensi dell'art. 123-ter, comma 3-ter del D.Lgs. n. 58/1998, la deliberazione sulla politica di remunerazione illustrata nella sezione I della relazione sarà vincolante; diversamente, ai sensi di quanto previsto dall'art. 123-ter, comma 6 del D.Lgs. n. 58/1998, la deliberazione sulla sezione II della relazione non sarà invece vincolante.

..*

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Stefano Cerrato, dichiara ai sensi del comma 2, articolo 154-bis del D.Lgs. n. 58/1998, che l'informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.

..*

Il bilancio d'esercizio e il bilancio consolidato di Juventus Football Club S.p.A. al 30 giugno 2021 saranno sottoposti a revisione legale da parte della società di revisione (EY S.p.A.) e saranno esaminati dal Collegio Sindacale della Società, che emetteranno le proprie relazioni entro i termini di legge.

(GD - www.ftaonline.com)