Saipem

Saipem in forte calo martedì, i prezzi scendono fino a 0,9834 euro. I minimi storici di quota 0,91 potrebbero tuttavia favorire la realizzazione di un rimbalzo. In un'intervista al Sole 24 Ore dell'a.d. Francesco Caio e del d.g. Alessandro Puliti in cui si profila una velocizzazione della tempistica per l'aumento di capitale da 2 miliardi di euro entro l'estate. L'assemblea è in calendario per il 17 maggio, in quell'occasione verrà affidata al cda la delega per fare partire l'aumento di capitale. Saipem ha ceduto martedì il 6,6% a 0,99 euro, i prezzi nell'intraday sono scesi fino a 0,9834 euro. A 1,06 è stata violata la base del canale crescente disegnato dai minimi di inizio marzo. A meno di un pronto ritorno al di sopra della base del canale è ora elevato il rischio di un nuovo test dei minimi assoluti di febbraio a 0,91 euro. La tenuta del supporto di area 0,91 non si può escludere, da quei livelli potrebbero partire movimenti anche di ampiezza rilevante. Sotto 0,91 invece, proprio per via dell'importanza del supporto, verrebbe inviato un segnale ribassista grave, target a 0,70 euro almeno.

Salvatore Ferragamo

Salvatore Ferragamo inizia il 2022 con ottimi risultati. Nel primo trimestre i ricavi sono stati pari a 289 milioni di euro (+23,2% a/a), l'EBITDA a 66 milioni (+40,4% a/a), l'utile netto a 14 milioni (rispetto ai -0,6 milioni di euro del primo trimestre 2021). La posizione finanziaria netta vede la liquidità netta in netto aumento a 359 milioni (rispetto ai 169 milioni al 31 marzo 2021). I ricavi segnano un'accelerazione rispetto al tasso di crescita registrato nel quarto trimestre 2021 (+20,8%) nonostante il contributo pressoché nullo (+0,9% a/a) dell'area Asia Pacifico, principale mercato del gruppo con una quota del 35,7%. Molto bene EMEA e Americhe con tassi di crescita tra il 40 e il 50 per cento. Varata la nuova strategia 2023-2026 sotto la guida dell'a.d. Marco Gobbetti focalizzata "sull'incremento dei ricavi nel medio-lungo termine, da conseguire attraverso un crescente coinvolgimento di nuovi e giovani consumatori". Il piano punta a raddoppiare i ricavi nel medio termine, con una progressiva accelerazione della crescita dei ricavi e un significativo aumento del risultato operativo alla fine del piano. L'analisi del grafico di Salvatore Ferragamo mette in evidenza la profonda correzione partita a inizio anno e il segnale grafico ribassista inviato ieri con la violazione del minimo del 7 marzo a 14,23 euro. Il titolo rischia ulteriori approfondimenti in direzione di 10,61 (minimo di ottobre 2020) e 9,50 (minimo di marzo 2020). Conferme definitive in tal senso con chiusure di seduta inferiori al supporto dinamico attualmente in transito per 13,30. Concreti segnali di forza al superamento di 16,90-17,00, prologo a un attacco al massimo di fine marzo 2022 a 17,88, resistenza determinante nel medio periodo.

Tesmec

Tesmec ha chiuso la seduta di ieri in rialzo (+2,4%) in scia ai risultati del primo trimestre e alla guidance 2022. I ricavi salgono a 55,9 milioni di euro dai 49,0 milioni al 31 marzo 2021, l'EBITDA a 8,3 milioni, da 7,1 milioni (margine 14,8% da 14,5%), l'utile netto a 2,0 milioni da 1,1 milioni. Per il 2022 il management prevede ricavi superiori a 240 milioni (oltre +23% a/a rispetto ai 194,3 del 2021), un margine EBITDA superiore al 16% (14,5% nel 2021), un deciso miglioramento del risultato netto ed una riduzione dell'Indebitamento Finanziario Netto. Il titolo era salito nel corso della giornata fino a toccare un massimo a 0,144 euro ma i prezzi sono poi arretrati ridimensionando la portata del recupero. Il quadro grafico resta incerto, il rimbalzo partito dai bottom di marzo si è fermato sull'ultimo dei ritracciamenti della discesa dai massimi annuali toccati a gennaio e se ora il supporto a 0,13 circa dovesse cedere, si farebbero elevate le possibilità di assistere al ritorno sui citati bottom di marzo in area 0,11. Necessaria una reazione dai livelli attuali ed il superamento di quota 0,145 per allentare le tensioni e prospettare un nuovo test a 0,1580, resistenza critica lungo il cammino che potrebbe riaccompagnare il titolo sui massimi a 0,188.

(SF - www.ftaonline.com)