Labomar, azienda nutraceutica italiana attiva a livello internazionalee quotata nel mercato Euronext Growth Milan,specializzata nello sviluppo e produzione di integratori alimentari, dispositivi medici, alimenti a fini medici speciali e cosmetici per conto terzi, ha condotto, su richiesta di Alfasigma, un nuovo studio sull'azione di Biochetasi Acidità e Digestione, integratore alimentare che contribuisce a normalizzare i processi digestivi e a contrastare l'acidità di stomaco. Lo studio, Antacid and Prodigestive Activity of a Novel Formulation,è stato pubblicato sulJournal of Gastrointestinal & Digestive System.

Biochetasi Acidità e Digestione è un integratore alimentare a base di enzimi, carciofo, finocchio, polvere di riso, calcio carbonato e citrati che contribuiscono a normalizzare i processi digestivi. Adatto a tutta la famiglia (compresi i bambini dai 6 anni in su), può essere assunto anche in gravidanza e allattamento. Grazie alla sua formulazione agisce in tutte le fasi della digestione, sulla pesantezza allo stomaco e sul senso di gonfiore addominale, favorendo la normale funzionalità del sistema digerente e controllando l'acidità gastrica. È sviluppato e prodotto da Labomar per Alfasigma in due formati, granulato in buste e compresse masticabili.

Lo studio Antacid and Prodigestive Activity of a Novel Formulation, condotto da un team di ricerca composto da Elisa Gaio, Federico Benetti ed Erik Tedesco di EcamRicert, Francesco Ciampanelli di Labomar e Paola Benatti e Veronica Pauletto di Alfasigma, ha dimostrato, per la prima volta in vitro, l'azione antiacidità di Biochetasi Acidità e Digestione,monitorando la progressiva neutralizzazione del pH attraverso la simulazione di liquido gastrico.

I test di neutralizzazione sono stati condotti partendo da pH 2 (corrispondente a una condizione di digiuno) e pH 3 (stomaco pieno). L'attività pro-digestiva di Biochetasi Acidità e Digestione integrato con proteasi, lipasi e galattosidasi è stata valutata simulando in vitro la digestione di un alimento standard, composto da proteine, lipidi e carboidrati, in presenza e in assenza di normali enzimi digestivi (pepsina, tripsina, lipasi).
I risultati hanno dimostrato l'azione multifunzionale di Biochetasi Acidità e Digestione, che agisce contro l'acidità mentre supporta la digestione di proteine, lipidi e lattosio con un'azione pro-digestiva.

Come tale, può essere funzionale nel limitare gli effetti collaterali legati all'acidità gastrica e la sensazione di pesantezza allo stomaco dovuta a una digestione lenta in caso di pasti abbondanti o non bilanciati. Si tratta di un risultato straordinario che conferma le proprietà di un prodotto la cui efficacia era già stata ampiamente dimostrata e che nei nostri stabilimenti ha raggiunto e superato la milionesima confezione prodotta. Un traguardo davvero rilevante e di grande soddisfazione per i nostri team" ha sottolineato Walter Bertin, fondatore e presidente di Labomar, "Lo studio, fortemente voluto seppure non necessario per un integratore alimentare, ha prodotto risultati che saranno di grande utilità anche per il futuro, considerando che le problematiche digestive coinvolgono il 40% della popolazione, percentuale che, con la pandemia, è persino aumentata. Questo studio, inoltre, rafforza la partnership con Alfasigma, con cui abbiamo da tempo un rapporto di collaborazione con reciproca soddisfazione".

Marco Torriglia, direttore marketing della divisione Consumer Healthcare di Alfasigma, ha commentato: "Siamo davvero molto soddisfatti dei risultati ottenuti. Un ulteriore conferma di quanto la ricerca scientifica sia rilevante per sviluppare nuovi prodotti efficaci e di qualità. Caratteristiche che contraddistinguono non solo Biochetasi Acidità e Digestione, ma l'intera linea di prodotti Biochetasi, marca che si colloca tra le prime posizioni all'interno del mercato italiano dei disturbi gastrici".

(GD - www.ftaonline.com)