Il Consiglio di Amministrazione di Mediobanca, presieduto da Renato PAGLIARO, ha approvato i risultati di esercizio e consolidati al 30 Settembre scorso del Gruppo Mediobanca illustrati dall'Amministratore Delegato Alberto NAGEL.

I primi tre mesi dell'esercizio confermano l'ottima crescita del Gruppo favorita dalla crescente efficacia del modello di business, specializzato sui servizi a maggior valore aggiunto, sui segmenti di clientela più dinamici e rigoroso nel presidio dei rischi. L'utile netto trimestrale salda a 261,9 milioni, in forte crescita rispetto allo scorso anno (+30,9%) ed in miglioramento rispetto al trimestre precedente (+28,6%) con il positivo contributo ai ricavi di tutte le divisioni: il Consumer torna a crescere per volumi e redditività, con livelli di attività quasi a regime. Il Wealth Management conferma un percorso di crescita vivace e sostenibile, trainato sia dalla crescita organica che dalle acquisizioni; Il Corporate and Investment Banking (CIB) supera i ricavi dello scorso anno che includevano talune poste non ricorrenti. Infine, l'apporto di Assicurazioni Generali conferma i brillanti risultati del trimestre precedente, raddoppiando su base annua. La qualità del portafoglio creditizio resta ai massimi (NPL lorde al 3,1%, stage 2 netto al 6,7% e moratorie in essere per poco meno dell'1%), le rettifiche ed il costo del rischio "CoR" (51bps) sono in calo senza intaccare gli overlays (superiori a 300 milioni). Il ROTE sale all'11% e poggia su un'ampia base di capitale (CET1 al 16,1%, phase-in)

(RV - www.ftaonline.com)