Meta Platforms (Facebook) ha toccato un rally del 19% in after market, dopo avere presentato una trimestrale migliore delle attese in termini di profitti. A fine sessione mercoledì aveva però segnato un ulteriore crollo del 3,32% (per una contrazione superiore al 48% nel 2022). Nei primi tre mesi del 2022 i profitti sono calati da 9,5 miliardi, pari a 3,30 dollari per azione, a 7,5 miliardi, e 2,72 dollari, sopra però ai 2,52 dollari del consensus di Refinitiv. I ricavi sono invece saliti del 7% annuo a 27,9 miliardi, contro però i 28,3 miliardi stimati dagli analisti. Si tratta della crescita più debole in decennio per Facebook. Positivo, invece, il progresso dei daily active user (Dau, utenti giornalieri attivi), aumentati del 5% annuo a 1,95 miliardi (erano 1,93 miliardi a fine 2021). Il che allontanerebbe i timori degli investitori sul declino nell'engagement da parte del social network.

(RR - www.ftaonline.com)