Moderata debolezza per il Ftse Mib mercoledì con l'indice che perde lo 0,46% a 24778 punti. Nel corso della seduta si è visto anche un tentativo di rialzo fino a 24996 punti che però è presto rientrato: il mercato ha preso profitto su banche e assicurativi a seguito della attenuazione dei timori di un aumento delle pressioni inflazionistiche (si allontanano i rialzi dei tassi) con il Btp a 30 anni sceso all'1,88% di rendimento, sui minimi delle ultime 3 settimane. La flessione del Ftse Mib è stata contenuta, almeno in chiusura di seduta, dalla media mobile esponenziale a 10 giorni, passante a 24740 punti. Dalla tenuta di quel supporto potrebbe scaturire il test del massimo del 18 maggio a 25114 punti, resistenza da superare per inviare un segnale di forza convincente. Sopra quei livelli l'indice potrebbe tentare di tornare sui massimi di febbraio 2020 a 25483 punti. Resistenza successiva a 25760, sul lato alto del canale crescente disegnato dai minimi di marzo 2020. Senza il superamento di 25114 ed in caso di violazione a 24740 della media mobile esponenziale a 10 giorni rischio di cali verso 24340, media esponenziale a 50 giorni. Supporto successivo a 23898, minimo del 13 maggio.

(AM)