Momento della verità per lo STOXX® Europe 600Technology. Il settoriale STOXX® Europe 600 Technology (EU0009658921), panierei cui maggiori rappresentanti sono Asml, Sap, Prosus, Infineon, DassaultSystems e dove compaiono anche Stm e Reply, è in difficoltà. L'indice nel 2021ha guadagnato il 23% circa ma nell'ultima settimana ha invece ceduto l'8,2%circa, di gran lunga il peggiore risultato tra tutti i 19 comparti. Gliosservatori hanno imputato questo forte calo all'impennata dei rendimenti suibond, che lascia prevedere un aumento dei tassi di interesse che andrebbe acolpire maggiormente i settori più dinamici. Timori riguardano anche lacapacità di approvvigionamento dalla Cina. C'è però da dire che il quadrografico, per quanto delicato, non è ancora compromesso: la chiusura di venerdìa 741,71 coincide infatti con la base del canale crescente disegnato dai minimidi ottobre (contro il cui lato alto si colloca invece il massimo di settembre).Dalla tenuta di questo supporto potrebbero scaturire rimbalzi. Oltre area 770l'indice potrebbe iniziare a sperare di essersi lasciato il peggio alle spallee puntare al ritorno in area 800 almeno. Sotto area 740 diverrebbe invecedifficile evitare un nuovo scivolone, diretto almeno fino in area 660,obiettivo ottenuto proiettando l'ampiezza del canale citato dal punto dirottura della sua base. Da notare che in settimana Asml ha fornito una guidancedi fatturato fino al 2025 di 24/30 miliardi dalla precedente di 15/24,allineandosi al consenso di 27,7 miliardi. Secondo gli esperti di Equita"La nuova guidance vede al midpoint un cagr 2021-25 del 9% e segnala cheil ciclo di capex dell'industria continuerà in modo sostenuto nei prossimianni". Asml si aspetta una crescita dei ricavi di circa l'11% nei prossimi10 anni.

(AM - www.ftaonline.com)