Momento della verità per UniCredit che è salito con il massimo del 12 maggio a 10,01 a testare il 50% di ritracciamento del ribasso dal top di febbraio 2020. Il superamento di quella resistenza sarebbe un segnale di forza duraturo, introduttivo al test di 11,25 (61,8% di ritracciamento) e di 11,84, gap del 28 febbraio 2020. Sotto 9,68, top di marzo, rischio invece di discese verso 8,85, base del gap rialzista del 6 maggio.

(AM - www.ftaonline.com)