Mercato azionario giapponese debole. Il Nikkei 225 stamattina ha terminato a 27011,33 punti, -0,44% rispetto alla chiusura precedente (27131,34). L'indice nipponico resta in pressione su area 26900, ex resistenza a dicembre 2020 e minimo dello scorso agosto. Si tratta di un riferimento determinante in ottica di medio-lungo termine dato che in caso di perentoria violazione verrebbe completato il potenziale doppio massimo in formazione dallo scorso febbraio, figura ribassista con obiettivo ideale a 23500 circa (primo appoggio a 26300-26400). Per scongiurare questo scenario i corsi dovrebbero riposizionarsi rapidamente sopra i 27900-27950 e quindi superare la linea che scende dal picco di settembre, ora in transito per 29000-29050.

(Simone Ferradini)