Partenza al ribasso per il future Eurostoxx 50. Il future cede lo 0,34% a 4142 punti nonostante la buona performance di Wall Street ieri. La Borsa di New York ha chiuso la seduta in rialzo sostenuta da alcune brillanti trimestrali societarie e dal comparto tecnologico. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,56%, l'S&P 500 lo 0,74% ed il Nasdaq Composite lo 0,71%. Segnali di rallentamento della crescita vengono tuttavia dal settore immobiliare. La National Association of Realtors ha reso noto che i nuovi cantieri residenziali sono diminuiti a settembre passando a 1555 mila unita' da 1580 mila unità (-1,6%). Il dato inferiore alle attese degli analisti che si aspettavano un valore pari a 1620 mila unità. Scendono del 7,7% le Licenze edilizie a 1589 mila unità (consensus 1680 mila unità) da 1721 mila unità. L'ottimismo per i risultati dei big Usa si accompagna a timori da parte degli investitori sull'impatto dei blocchi a supply chain e logistica globale, causati ancora dalla pandemia di coronavirus, per i profitti delle aziende e le pressioni inflazionistiche che non accennano a perdere di forza. Come previsto la People's Bank of China (PboC) ha lasciato invariato al 3,85% per il diciottesimo meeting consecutivo il loan prime rate annuale, dopo averlo abbassato di 20 punti base l'ultima volta nell'aprile 2020. Da inizio 2021 alla fine di settembre gli investimenti diretti esteri in Cina sono saliti del 19,6% annuo, contro il 22,3% precedente, a 859,51 miliardi di yuan (pari a 115,44 miliardi di euro). Il future Eurostoxx ieri è rimasto all'interno dell'intervallo disegnato nella giornata precedente dando luogo ad un "inside day", figura che compare nelle fasi di incertezza del mercato e non ne altera il quadro grafico. I prezzi restano al di sopra del 61,8% di ritracciamento del ribasso dal massimo di agosto, collocato a 3135 punti circa e della linea discendente disegnata dal top di settembre. La citata trend line ribassista è il lato alto del canale che contiene le oscillazioni dell'indice dal picco di fine agosto. Tale canale ha le caratteristiche di un "flag", figura di continuazione del rialzo attivo dai minimi di ottobre 2020, che potrebbe quindi essere ripreso. Se i prezzi sapranno confermarsi al di sopra di area 4150 anche nelle prossime sedute i recenti segnali di forza troveranno conferma e il future potrà candidarsi al ritorno sul massimo di agosto a 4252 punti. Resistenza intermedia a 4200, massimo del 24 settembre. Solo discese nuovamente al di sotto di area 4110 metterebbero in discussione le possibilità di proseguimento del rialzo. Rischio in quel caso di cali verso 4050, ultimo supporto prima del ritorno sul minimo di ottobre a 3949 punti.

(AM - www.ftaonline.com)