Le quotazioni del petrolio greggio accelerano in maniera importante nei mercati internazionali nonostante le scorte Usa rilevate dall'EIA abbiano mostrato una crescita settimanale che ha deluso gli operatori. Il future sul Brent segna un rialzo del 3,14% a 71,72 dollari mentre il derivato sul WTI passa di mano a 69,64 dollari con un vantaggio di 3,63 punti percentuali sul riferimento.

L'EIA ha calcolato un aumento degli stock di greggio USA di 2,1 milioni di barili la scorsa settimana contro attese per un calo di 4,46 milioni di barili e una flessione precedente di quasi 7,9 mln. Di segno opposto invece il segnale dagli stock di benzina con un calo delle scorte di 1,35 milioni di barili contro attese per una crescita di 557 mila barili e un balzo precedente di 3,65 mln. Il segnale di una flessione della domanda giunto dalle scorte di petrolio greggio potrebbe essere stato dunque bilanciato da quello giunto dagli stock di raffinati.

Va ricordato che di recente le quotazioni del greggio avevano perso parecchio a seguito dell'accordo Opec+ sul rialzo della produzione.

Da notare anche il calo dello 0,11% del Dollar Index che è coerente con un rialzo delle quotazioni del petrolio.

(GD - www.ftaonline.com)