Piazza Affari in recupero dopo l'affondo di ieri. FTSE MIB +0,8%.

Il FTSE MIB segna +0,8%, il FTSE Italia All-Share +0,8%, il FTSE Italia Mid Cap +1,1%, il FTSE Italia STAR +1,6%.

BTP negativi e spread in miglioramento. Il rendimento del decennale segna 0,84% (chiusura precedente a 0,87%), lo spread sul Bund 103 bp (da 104) (dati MTS).

Mercati azionari europei in rialzo: EURO STOXX 50 +0,7%, FTSE 100 +0,7%, DAX +0,9%, CAC 40 +0,9%, IBEX 35 +1,0%.

Future sugli indici azionari americani positivi: *S&P 500 +0,8%, NASDAQ 100 +1,1%, Dow Jones Industrial +0,6%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 -2,04%, NASDAQ Composite -2,83%, Dow Jones Industrial -1,63%.

Mercato azionario giapponese in forte ribasso, il Nikkei 225 stamattina ha terminato a -2,12%. Borse cinesi contrastate: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a -1,02%, l'Hang Seng di Hong Kong al momento segna +0,8%.

Avvio di seduta all'insegna dei rimbalzi per i titoli maggiormente penalizzati nelle sedute precedenti, in primis quelli del comparto medico-sanitario come Amplifon +2,2%, Diasorin +1,9%, Recordati +1,4%. Buone performance anche per Interpump +2,5%, Campari +1,7%, Moncler +1,3% e STM +1,3%.

In rosso invece i petroliferi che vengono penalizzati dalla netta correzione del greggio dai massimi toccati ieri mattina. Il future dicembre sul Brent segna 77,30 $/barile (da 79,30 circa), il future novembre sul WTI 74,20 $/barile (da 76,70 circa). Eni -0,4%, Tenaris -0,7%, Saipem -1,5%.

Danieli & C. +3,0% guadagna ulteriore terreno dopo il +8,58% messo a segno ieri in scia agli ottimi risultati dell'esercizio 2020-2021 approvati due giorni fa. Nonostante il calo (peraltro marginale, -1% a/a) dei ricavi l'EBIT si è attestato a 143,9 milioni di euro (+57% a/a), l'utile netto è salito a 80,2 milioni di euro (+28% a/a) e il portafoglio ordini a 3,5 miliardi da 2,9 a fine giugno 2020. In prospettiva, "La ripresa economica trainata dal contenimento degli effetti pandemici del COVID-19 ha generato un effetto positivo sulla domanda di impianti che si stima permarrà per i prossimi due, tre anni".

Maire Tecnimont positiva in avvio (+2,4% a 3,4880 euro): il titolo ieri ha toccato a 3,5160 euro il massimo da aprile 2019 per poi ridurre considerevolmente i guadagni grazie all'accordo con Greenfield Nitrogen LLC per sviluppare il primo impianto di ammoniaca verde nel Midwest, Stati Uniti. Dopo la chiusura del mercato Maire Tecnimont ha comunicato che la controllata Kinetics Technology si è aggiudicata un contratto EPC (Engineering, Procurement & Construction) Lump Sum-Turn Key da LOTOS Oil, relativo all'espansione della Raffineria di Danzica (Polonia) al fine di migliorare la capacità di trattamento del greggio e assicurare carburanti di qualità più elevata e ad alta efficienza energetica. Il contratto ha un valore leggermente superiore ai 200 milioni di euro e sarà completato entro il primo semestre 2025.

Cattolica Assicurazioni (-0,8% a 7,0950 euro) perde terreno: oggi Generali +0,2% ha pubblicato il documento di offerta relativo all'offerta pubblica di acquisto volontaria su Cattolica finalizzata al delisting a 6,75 euro per azione. Il periodo di adesione avrà inizio lunedì 4 ottobre 2021 e terminerà il 29 ottobre (estremi inclusi), salvo proroghe. Il Cda di Cattolica ha valutato congruo, da un punto di vista finanziario, il prezzo dell'OPA lanciata da Generali ha deciso di portare in adesione all'offerta le azioni proprie.

Digital Value +3,1% brillante grazie all'aggiudicazione di nuovi contratti con operatori privati e della PA per un controvalore totale di oltre 50 milioni di euro.

Gli appuntamenti macroeconomici di oggi: alle 10:00 indice prezzi alla produzione Italia, alle 10:30 credito al consumo Regno Unito, alle 11:00 indice fiducia dei consumatori eurozona. Negli USA alle 16:00 indice Pending Home Sales (mercato immobiliare), alle 16:30 scorte petrolio settimanali (EIA). Alle 17:45 interventi di Lagarde (BCE), Powell (Fed), Bailey (BoE) e Kuroda (BoJ).

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)