Il FTSE MIB segna +0,41%, il FTSE Italia All-Share +0,48%, il FTSE Italia Mid Cap +1,17%, il FTSE Italia STAR +0,89%.
BTP e spread in peggioramento. Il rendimento del decennale segna 0,80% (chiusura precedente a 0,78%), lo spread sul Bund 106 bp (da 104) (dati MTS).
Future sugli indici azionari americani in rialzo: S&P 500 +1,0%, NASDAQ 100 +1,3%, Dow Jones Industrial +0,6%. Il Dipartimento del Commercio USA ha reso noto che nel mese di marzo la domanda di beni durevoli è cresciuta dello 0,5% su base mensile dal -0,9% precedente (rivisto da -1,2%). Gli ordinativi dei beni durevoli principali sono aumentati dell'1,6% dal -0,3% precedente. Gli ordinativi di beni esclusi i mezzi per la difesa sono aumentati dello 0,5% dal -0,4% della lettura precedente.
A Milano in evidenza i titoli del comparto bancario: Intesa Sanpaolo e Unicredit giadagnano più del 2%, bene anche BPer Banca (+1,82%) e Banco BPM (+1,42%). Il recupero arriva in scia alla revisione al rialzo, da parte di Brclays, dei target price dei titoli in questione. Barclays ha invece tagliato il target price di MPS, ma il titolo riesce comunque a difendersi facendo segnare un +0,26%.
Leonardo -2,4% prova a recuperare terreno rispetto alla mattinata me resta negativo. Il gruppo cresce nel settore dei sensori per applicazioni in ambito difesa e sicurezza acquisendo il 25,1% di HENSOLDT AG per 606 milioni di euro o 23 euro per azione (+5,3% a 16,40 euro alla borsa di Francoforte). La partecipazione è stata ceduta da KKR: quest'ultima il mese scorso aveva venduto una quota analoga a KfW, partecipata all'80% dalla Repubblica Federale Tedesca.
Tenaris +2,95% accelera al rialzo in vista del cda di mercoledì prossimo per l'approvazione dei risultati del primo trimestre. In occasione dell'uscita dei dati 2020 il gruppo italoargentino aveva comunicato che le previsioni per il 2021 sono buone grazie all'atteso recupero nell'attività di trivellazione in USA e Canada: il management prevede una "graduale ripresa delle vendite". Il primo trimestre potrebbe però essere penalizzato a livello di EBITDA (atteso in linea con quello del trim4 2020) da costi addizionali e perdite di produzione per 20 milioni di dollari. Per il resto dell'anno l'EBITDA è previsto in crescita con margine intorno al 20%.
Mediaset +1,0% positiva. Oggi il cda si riunisce per l'approvazione dei risultati 2020, domani la presentazione.
Negativo il settore auto: l'indice EURO STOXX Automobiles & Parts segna -0,62%. Stellantis -0,89%, Piaggio -0,7%. In controtendenza Brembo +5,25%.
Positivi i titoli attivi nelle energie rinnovabili: Alerion Cleanpower +4,5%, ERG +3,75%, Falck Renewables +2,54% in scia alle dichiarazioni del presidente USA, Joe Biden che ha raddoppiato al 50-52% l'obiettivo di riduzione delle emissioni di Co2 entro il 2030 che era stato fissato da Barack Obama (poi cancellato da Trump)
Technogym +7,4% in netto rialzo: il titolo è stato inserito da Goldman Sachs in una lista composta da circa sessanta azioni europee che dovrebbero beneficiare particolarmente del progressivo allentamento delle misure restrittive anti-Covid.
Bene gli industriali CNH Industrial +0,59%, Interpump +0,54% e soprattutto Maire Tecnimont +3,0% grazie all'annuncio dell'aggiudicazione di un contratto da 450 milioni di dollari in India per la realizzazione di un impianto di paraxilene e delle relative infrastrutture. Il committente è la Indian Oil Corporation Limited. L'impianto sarà situato a Paradip, nello Stato dell'Odisha.

(AC - www.ftaonline.com)