Piazza Affari in verde. Unicredit sale con nuovo comitato esecutivo. Ferragamo brillante dopo dati trimestrali. FTSE MIB +0,2%.

Il FTSE MIB segna +0,2%, il FTSE Italia All-Share +0,2%, il FTSE Italia Mid Cap +0,3%, il FTSE Italia STAR +0,1%.

BTP e spread stabili. Il rendimento del decennale segna 0,98% (chiusura precedente a 0,99%), lo spread sul Bund 115 bp (da 115) (dati MTS).

Mercati azionari europei in verde: EURO STOXX 50 +0,1%, FTSE 100 +0,7%, DAX +0,2%, CAC 40 +0,1%, IBEX 35 -0,0%.

Future sugli indici azionari americani deboli: S&P 500 -0,2%, NASDAQ 100 -0,3%, Dow Jones Industrial -0,2%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 -0,87%, NASDAQ Composite -0,09%, Dow Jones Industrial -1,36%.

Mercato azionario giapponese negativo, il Nikkei 225 ha terminato a -1,61%. Borse cinesi in rialzo: l'indice CSI di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a +0,43%, l'indice Hang Seng di Hong Kong al momento segna +0,6%.

Unicredit +1,0% sale sui massimi da inizio marzo 2020. Il gruppo annuncia oggi la nuova struttura organizzativa e il team manageriale denominato "Group Executive Committee (GEC)", composto da quindici membri che sostituirà l'attuale "Executive Management Committee (EMC)" con ventisette membri.

Banca Mediolanum -2,7% in rosso: ieri il gruppo ha comunicato di aver chiuso il primo trimestre 2021 con risultato netto a +133,4 milioni, in crescita dell'85% a/a.

Atlantia -0,8% perde terreno in scia ai dati trimestrali della controllata Autostrade. Nei primi tre mesi del 2021 l'EBITDA è sceso a 321 milioni di euro (-70 sul trim1 2020) e l'utile netto a 49 milioni (-19).

Poste Italiane +0,1% appena sopra la parità nonostante i risultati in crescita e migliori delle attese conseguiti nel primo trimestre 2021. I ricavi sono saliti del 9,8% a/a a 2,933 miliardi di euro (consensus 2,877) con ottimo contributo dei servizi assicurativi (+40% a/a), l'EBIT del 41% a/a a 620 milioni (consensus 573), il risultato netto del 46% a 447 milioni (consensus 408).

Bel progresso per Salvatore Ferragamo +4,1% che chiude il primo trimestre 2021 con ricavi a 245 milioni di euro (+10,3% a/a) e risultato netto a -0,6 milioni (rispetto a -41 milioni nel trim1 2020).

Neodecortech, gruppo leader in Italia nella produzione di carte decorative, segna +3,2% grazie ai dati del primo trimestre 2021: i ricavi sono saliti del 19,3% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Gli appuntamenti macroeconomici di oggi: alle 11:00 produzione industriale eurozona. Negli USA alle 14:30 inflazione, alle 16:30 scorte petrolio settimanali (EIA).

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)