Piazza Affari incerta. Deboli le utility, salgono Campari e MPS. Record per Sesa e Pharmanutra. FTSE MIB -0,1%.

Il FTSE MIB segna -0,1%, il FTSE Italia All-Share -0,0%, il FTSE Italia Mid Cap +0,3%, il FTSE Italia STAR +0,6%.

BTP e spread poco mossi. Il rendimento del decennale segna 0,58% (chiusura precedente a 0,58%), lo spread sul Bund 104 bp (da 105) (dati MTS).

Mercati azionari europei in verde: EURO STOXX 50 +0,1%, FTSE 100 +0,2%, DAX +0,0%, CAC 40 +0,2%, IBEX 35 +0,1%.

Future sugli indici azionari americani in parità: S&P 500 +0,0%, NASDAQ 100 +0,1%, Dow Jones Industrial +0,0%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 +0,15%, NASDAQ Composite +0,52%, Dow Jones Industrial +0,09%.

Mercato azionario giapponese poco mosso, il Nikkei 225 stamattina ha terminato a -0,03%. Borse cinesi incerte: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a +0,20%, l'Hang Seng di Hong Kong al momento segna -0,2%.

Prosegue anche oggi la flessione delle utility. L'indice FTSE Italia Utenze segna -0,3%, l'EURO STOXX Utilities -0,1%. A Milano Terna -1,9%, Italgas -1,6%, Snam -1,6%. In controtendenza A2A +0,6%.

Buon avvio per Campari +0,9% a 11,8750 euro. Ieri Banca Akros ha confermato la raccomandazione accumulate e il target a 12,70 euro. Secondo gli analisti l'eventuale introduzione in Cina di misure per limitare il consumo di alcolici prodotti all'estero non avrebbe impatti significativi sui conti del gruppo dato che l'esposizione sul Paese asiatico è inferiore al 3%. Banca Akros conferma le buone valutazioni grazie alle attese positive sui ricavi del terzo trimestre: due settimane fa l'a.d. Bob Kunze-Concewitz ha dichiarato a MF che tutti i brand e i mercati di riferimento stanno crescendo a doppia cifra.

Acquisti su Banca MPS +3,6%. I sindacati chiedono maggiore chiarezza sulla possibile cessione della quita di controllo dal Tesoro a Unicredit +0,2% e sembrano intenzionati a proclamare uno sciopero. Intanto il Sole 24 Ore scrive che, contrariamente a quanto trapelato in precedenza, l'istituto guidato da Andrea Orcel potrebbe chiedere un proroga dell'esclusiva in scadenza nella prima decade di settembre.

Non si ferma il rally di Sesa +1,1%: toccato il nuovo massimo storico a 169,00 euro, sopra il precedente a 168,00 raggiunto giusto ieri mercoledì scorso. Dal minimo di marzo 2020 a 27,80 euro le quotazioni sono in rialzo di oltre il 500%.

Pharmanutra +4,6% accelera al rialzo e tocca a 64,60 euro il nuovo massimo storico. Il gruppo ha annunciato di aver ottenuto la concessione del brevetto per le formulazioni a base di acidi grassi cetilati (CFA) in Cina, brevetto che "riguarda lo sviluppo e utilizzo di formulazioni topiche a base di esteri cetilati (CFA), il principio attivo contenuto in tutti i prodotti per muscoli e articolazioni della linea Cetilar®. L'ottenimento del nuovo brevetto permetterà al Gruppo PharmaNutra non solo di iniziare un nuovo piano di sviluppo in un territorio estremamente vasto come quello cinese, ma anche di espandersi a nuove potenziali partnership asiatiche".

Gli appuntamenti macroeconomici di oggi: alle 10:00 indice IFO (fiducia imprese) Germania. Negli USA alle 14:30 ordinativi beni durevoli, alle 16:30 scorte petrolio settimanali (EIA).

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)