Piazza Affari poco mossa in avvio. Bene il lusso, utility e industriali incerti. FTSE MIB -0,0%.

Il FTSE MIB segna -0,0%, il FTSE Italia All-Share -0,0%, il FTSE Italia Mid Cap +0,1%, il FTSE Italia STAR -0,1%.

BTP e spread incerti. Il rendimento del decennale segna 0,71% (chiusura precedente a 0,70%), lo spread sul Bund 105 bp (da 106) (dati MTS).

Mercati azionari europei deboli: EURO STOXX 50 -0,2%, FTSE 100 -0,3%, DAX -0,2%, CAC 40 -0,1%, IBEX 35 +0,0%.

Future sugli indici azionari americani in verde: S&P 500 +0,1%, NASDAQ 100 +0,2%, Dow Jones Industrial +0,1%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: ieri Wall Street chiusa per festività (Labor Day).

Mercato azionario giapponese in rialzo, il Nikkei 225 stamattina ha terminato a +0,86%. Borse cinesi positive: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a +1,20%, l'Hang Seng di Hong Kong al momento segna +0,9%.

Buon avvio per Moncler, +1,5% a 55,78 euro, in scia al report di Citigroup: raccomandazione buy confermata e target incrementato da 65 a 68 euro.

Bene anche gli altri titoli del settore lusso: Salvatore Ferragamo +1,5%, Ferrari +0,9%, Tod's +0,2%, Brunello Cucinelli +0,5%. Secondo indiscrezioni di Bloomberg, Hong Kong potrebbe riaprire le porte ai visitatori cinesi permettendo loro di evitare la stretta quarantena imposta finora. L'ipotesi è che dal 15 settembre possa partire un nuovo programma per consentire viaggi più liberi a 2.000 visitatori al giorno.

Utility e industriali in flessione: Enel -0,7%, Leonardo -0,5%, Stellantis -0,8%, A2A -0,6%, Prysmian -0,3%, CNH Industrial -0,6%.

Petroliferi in verde: il greggio recupera e sale sui massimi da fine settimana scorsa. Il future novembre sul Brent segna 72,45 $/barile, il future ottobre sul WTI 69,00 $/barile. Eni +0,5%, Tenaris +0,4%, Saipem +0,6%.

Esprinet -1,8% inverte la rotta e passa in territorio negativo dopo il balzo visto in apertura su risultati del primo semestre 2021 in forte crescita. I ricavi si sono attestati a 2.236,8 milioni di euro, +22% a/a (+17% la crescita organica). L'EBITDA è stato pari a 41,7 milioni, +74% a/a (+59% su base organica). Il risultato netto è balzato a 22,1 milioni, +187% dai 7,7 milioni del primo semestre 2020. Il management non ha però migliorato la guidance 2021 sull'EBITDA adjusted, confermandola sopra gli 80 milioni di euro, "in attesa di verificare nel corso dei prossimi due mesi l'evoluzione in particolare della disponibilità di prodotto (componentistica elettronica, ndr)": questo ha probabilmente creato disappunto tra analisti e operatori.

Banca MPS +0,1% poco mossa. Le indiscrezioni di stampa confermano le ipotesi di prolungamento della due diligence in esclusiva a* Unicredit +0,1%* almeno fino al 21 settembre. Il Sole 24 Ore riferisce inoltre che la banca guidata da Andrea Orcel stima in 6-7 mila il numero degli esuberi nella banca senese.

Positiva Sanlorenzo +0,8% che ha presentato quattro nuovi yacht al Cannes Yachting Festival e soprattutto ha annunciato "la sottoscrizione con Siemens Energy di un accordo in esclusiva che ha per oggetto lo sviluppo di soluzioni per l'integrazione della tecnologia a fuel cell nel settore dello yachting 24-80m e di due contratti di sviluppo ed acquisto per sistemi di nuova generazione diesel elettrici e ibridi. L'accordo permetterà di sviluppare congiuntamente tecnologie inedite finalizzate a ridurre significativamente l'impatto dell'utilizzo degli yacht sull'ecosistema marino, con significativi benefici in termini di sostenibilità ambientale".

In verde Saras +0,9% che ha riattivato l'aggiornamento dei margini di raffinazione dopo la pausa di agosto. Alla fine della scorsa settimana il benchmark EMC è salito a 1,7 dollari/barile da 1,5 nella precedente.

Gli appuntamenti macroeconomici di oggi: alle 11:00 PIL trim2 eurozona e indice ZEW (fiducia investitori istituzionali) Germania.

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)