Il FTSE MIB segna +0,1%, il FTSE Italia All-Share +0,0%, il FTSE Italia Mid Cap -0,3%, il FTSE Italia STAR -0,5%.

BTP e spread poco mossi. Il rendimento del decennale segna 0,54% (chiusura precedente a 0,53%), lo spread sul Bund 103 bp (da 103) (dati MTS).

Mercati azionari europei deboli: EURO STOXX 50 -0,1%, FTSE 100 -0,2%, DAX -0,0%, CAC 40 -0,2%, IBEX 35 -0,3%. Future sugli indici azionari americani sotto la parità: *S&P 500 -0,1%, NASDAQ 100 -0,2%, Dow Jones Industrial -0,1%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 +0,60%, NASDAQ Composite +0,78%, Dow Jones Industrial +0,78%.

Mercato azionario giapponese in verde, il Nikkei 225 stamattina ha terminato a +0,33%. Borse cinesi deboli: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a -0,55%, l'Hang Seng di Hong Kong al momento segna -0,1%. Ottime indicazioni dal cda di ieri di Pirelli +3,4%. Il board ha approvato i risultati al 30 giugno con sorprese positive.

Nel secondo trimestre i ricavi si sono attestati a 1.320,1 milioni di euro, +72,6% a/a e sopra gli 1.251 milioni del consensus raccolto dalla società. L'adjusted EBITDA è salito a 307,4 milioni contro i 291 del consensus. Il risultato netto è stato pari a +89,4 milioni di euro da -140,2 un anno fa e meglio dei +60 del consensus. L'indebitamento finanziario netto si è attestato a 3.818,7 milioni (consensus 3.842).Il management ha migliorato tutti gli obiettivi 2021 (tranne gli investimenti, confermati a 330 milioni): ricavi previsti tra ~5,0 e ~5,1 miliardi di euro, (tra ~4,7 e ~4,8 miliardi di euro il target precedente); price/mix tra +4,5% e +5% (+2,5%/+3% il target precedente); Ebit Margin Adjusted compreso tra ~ 15% e ~15,5% (tra >14% e ~ 15% il precedente target); generazione di cassa netta ante dividendi in miglioramento tra ~360/~390 milioni di euro (tra ~300/~340 milioni il target precedente); indebitamento finanziario netto atteso a 3 miliardi di euro in netto progresso grazie a ottimi dati semestrali. Risultato della gestione operativa a 1.048 milioni di euro, +48,2% a/a, risultato netto a +361,3 milioni rispetto a +105,2 milioni del precedente esercizio (+243,4% a/a, +197,5% su base adjusted). Datalogic -4,5% in forte ribasso nonostante il primo semestre chiuso con ricavi a +26,7% a/a, margine EBITDA Adjusted al 16% (8% in anno fa) e risultato netto a +23,5 milioni di euro (sostanzialmente nullo una anno fa).

Le vendite sono probabilmente scattate a causa della conferma della guidance 2021 con ricavi a +16/20% (quindi in rallentamento nel secondo semestre) e margine EBITDA a +2/3% sul 2020 (anche qui in peggioramento dal +8% del primo semestre). Gli appuntamenti macroeconomici di oggi: alle 10:00 produzione industriale Italia, alle 11:00 nota mensile andamento economia italiana (ISTAT).Negli USA alle 14:30 indice retribuzioni, tasso di disoccupazione, nuovi dipendenti non agricoli, alle 16:00 scorte all'ingrosso finali.

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)