Piazza Affari poco mossa. Brunello Cucinelli e Juventus sotto i riflettori. FTSE MIB -0,4%.

Il FTSE MIB segna +0,1%, il FTSE Italia All-Share +0,1%, il FTSE Italia Mid Cap -0,0%, il FTSE Italia STAR +0,3%.

Future sugli indici azionari USA in verde: S&P 500 +0,3%, NASDAQ 100 +0,4%, Dow Jones Industrial +0,2%.

Segni positivi tra gli industriali con Interpump +1,4%, STM +0,8%, Prysmian +0,6%, Buzzi Unicem +0,5%.

Petroliferi incerti nonostante il greggio tonico sui massimi dal 12-13 agosto: il future novembre sul Brent segna 71,50 $/barile, il future ottobre sul WTI sale a 68,95 $/barile. Eni +0,5%, Tenaris +0,0%, Saipem -0,8%.

In flessione Unicredit -0,8%. Il Messaggero riferisce indiscrezioni secondo cui MPS Capital Service sarà esclusa dal perimetro degli asset di Banca MPS -0,1% su cui Unicredit potrebbe fare un'offerta, e quindi confluire nelle circa 150 filiali (presumibilmente nel Sud Italia) che verrebbero acquistate da Mediocredito Centrale.

Juventus FC +2,5% accelera e tocca i massimi da aprile. Dopo l'ok del cda all'aumento di capitale da 400 milioni di euro due giorni fa e il sorteggio ieri della fase a gironi della Champions League, oggi potrebbe essere il giorno della partenza di Cristiano Ronaldo. Il portoghese sembra destinato al Manchester City: l'operazione è sostanzialmente fatta ma manca l'ultimo dettaglio, quello più importante. Il club bianconero vuole infatti 25 milioni di euro dalla squadra inglese per cedere il cartellino del giocatore. Se l'operazione andasse in porto la Juventus dovrebbe rapidamente cercare un sostituto del portoghese per affrontare gli impegni stagionali, tra cui il gruppo H della fase a gironi della Champions League dove se la vedrà, oltre che con i campioni in carica del Chelsea, con Zenit e Malmoe.

Brunello Cucinelli +2,5% in progresso grazie ai risultati del primo semestre: ricavi netti pari a 313,8 milioni di euro, +7,7% rispetto al 30 giugno 2019 e +52,9% rispetto al 30 giugno 2020; EBITDA pari a 80,6 milioni rispetto ai -3,4 milioni dello scorso anno e ai 79,2 milioni al 30 giugno 2019; utile netto pari a 21,9 milioni rispetto a una perdita di 47,7 milioni nel primo semestre 2020 e a un utile di 25,0 milioni nel primo semestre 2019. Il presidente esecutivo e primo azionista Brunello Cucinelli ha dichiarato di attendersi "per l'anno in corso una forte crescita del fatturato intorno al 20% ed a considerare questo tempo una sorta di anno del riequilibrio e per il 2022 ci attendiamo un ritorno ad una sana crescita del 10%".

Enertronica Santerno +13,5% balza sui massimi da settembre 2020 in scia all'annuncio di un contratto quadro di fornitura per i prossimi tre anni di ricambi del valore di circa 6 milioni di euro con un primario operatore nelle energie rinnovabili

Gli appuntamenti macroeconomici di oggi: negli USA alle 16:00 indice fiducia consumatori (Univ. Michigan).

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)