Piazza Affari positiva: bene banche e STM. FTSE MIB +1,03%.

Mercati azionari europei in netto rialzo. Wall Street contrastata: subito dopo la chiusura delle borse europee S&P 500 +0,2%, NASDAQ Composite -0,9%, Dow Jones Industrial +0,7%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a +1,03%, il FTSE Italia All-Share a +1,00%, il FTSE Italia Mid Cap a +1,00%, il FTSE Italia STAR a +0,51%.

BTP stabili e spread in peggioramento. Il rendimento del decennale segna 2,52% (chiusura precedente a 2,53%), lo spread sul Bund 165 bp (da 160) (dati MTS). Euro sui massimi dal 14 aprile contro dollaro. EUR/USD al momento quota 1,0850 circa.

Tra i dati macroeconomici pubblicati in giornata segnaliamo negli USA: vendite abitazioni esistenti marzo 5,77 mln unità da 5,93 mln (atteso 5,78 mln); scorte di petrolio settimanali a -8,020 mln di barili da 9,382 mln precedenti (attesi +2,471 mln). Nell'eurozona: produzione industriale febbraio +0,7% m/m da -0,7% m/m R (atteso +0,2%). In Italia: bilancia commerciale -1,662 miliardi di euro (precedente -5,128 miliardi R).

Bancari in verde: l'indice FTSE Italia Banche segna +2,30%, l'EURO STOXX Banks +2,2%. In evidenza Banco BPM +4,46%: da ieri circolano indiscrezioni su un'offerta non vincolante di Credit Agricole +3,3% (da poco primo azionista di BPM con il 9,2%) per le joint venture bancassicurative Vera Assicurazioni (con Cattolica) e Bipiemme Vita (con Covea). La scorsa settimana Bloomberg aveva riferito dell'interesse di AXA +2,1% per gli stessi asset, valutati circa 1,5 miliardi di euro. Molto bene anche BPER Banca +3,52%, Mediobanca +2,64%, Intesa Sanpaolo +2,41%.

*STM +3,24% *scatta in avanti in scia ad ASML +5,4%. Il gruppo olandese ha archiviato il primo trimestre con risultati in calo rispetto allo stesso periodo del 2021 ma migliori delle attese. Buone indicazioni per quanto riguarda gli ordini e per l'esercizio 2022: previsti ricavi in crescita del 20% circa.

*Bene il settore auto *(indice EURO STOXX Automobiles & Parts +1,0%) nonostante il -20,5% di immatricolazioni nell'Unione Europea a marzo, dato che segnala un'accelerazione negativa se confrontato con il -12,3% del primo trimestre. Probabilmente questi numeri sono considerati meno peggiori del previsto alla luce del conflitto Russia-Ucraina e delle conseguenti sanzioni economiche. A Milano Pirelli +3,28%, Brembo +1,77%, Sogefi +2,68%, Piaggio +0,76%, Stellantis +0,54%.

Positiva Leonardo, +1,71% a 10,1550 euro, tocca i massimi da fine febbraio 2020 in scia alla decisione di Morgan Stanley di migliorare la raccomandazione sul titolo a overweight con target a 11,80 euro.

Autogrill -4,78% ritraccia dopo il +12% di ieri in scia alle indiscrezioni relative a un'aggregazione con la svizzera Dufry -3,3%. Il gruppo leader nella ristorazione per chi viaggia è poi uscito con un comunicato in cui informa di essere "interessato a valutare diverse opportunità strategiche e a tal fine intrattiene interlocuzioni anche con operatori del settore". Si ipotizza il conferimento di Autogrill in Dufry con corrispettivo in azioni: in questo modo la famiglia Benetton, che ha il 50,1% di Autogrill, si troverebbe ad avere il 20% circa di Dufry/Autogrill e sarebbe il maggior azionista. Questo permetterebbe ai Benetton di restare nel settore come soci di riferimento della newco e al contempo di mettere a segno una mossa strategica nell'ottica di sviluppo del business e di creazione di valore. Agli azionisti di minoranza potrebbe essere offerta la liquidazione in contanti.

Molto bene Intercos +7,48% a 13,50 euro: Jefferies migliora la raccomandazione sul titolo da hold a buy con target a 16,00 euro. Gli analisti citano i buoni risultati del quarto trimestre e il recente accordo commerciale con Dolce&Gabbana "per lo sviluppo e la produzione di fragranze e altri prodotti Hair&Body, che affiancheranno la collaborazione attiva da anni tra il brand Dolce&Gabbana e Intercos nel segmento makeup".

Maire Tecnimont +3,52% in buona forma dopo che CDP ha designato Pierroberto Folgiero (attuale a.d. di Maire Tecnimont) quale nuovo a.d. di Fincantieri -0,57% al posto di Giuseppe Bono. CDP controlla Fincantieri con il 71,3%.

Trendevice +3,83% scatta in avanti: ieri il cda ha esaminato e approvato i dati preliminari sui ricavi del primo trimestre 2022 pari a 5,137 milioni di euro, in crescita del 147% rispetto ai 2,076 milioni registrati nel primo trimestre del 2021.

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)