Piazza Affari positiva. Brillano Buzzi Unicem e Mediaset. FTSE MIB +0,3%.

Il FTSE MIB segna +0,3%, il FTSE Italia All-Share +0,3%, il FTSE Italia Mid Cap +0,2%, il FTSE Italia STAR +0,1%.

BTP e spread in lieve peggioramento. Il rendimento del decennale segna 0,88% (chiusura precedente a 0,87%), lo spread sul Bund 106 bp (da 105) (dati MTS).

Mercati azionari europei incerti: EURO STOXX 50 -0,1%, FTSE 100 +0,2%, DAX -0,1%, CAC 40 -0,1%, IBEX 35 -0,1%.

Future sugli indici azionari americani in verde: S&P 500 +0,1%, NASDAQ 100 +0,0%, Dow Jones Industrial +0,3%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 +0,58%, NASDAQ Composite +0,69%, Dow Jones Industrial +0,95%.

Mercato azionario giapponese positivo, il Nikkei 225 ha terminato a +0,66%. *Borse cinesi in progresso: *l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a +1,63%, l'indice Hang Seng di Hong Kong al momento segna +1,4%.

Ottima performance per Buzzi Unicem +3,2%, salgono anche Webuild +0,7% e Caltagirone +3,1%, in scia al piano USA da 1.200 miliardi di dollari di investimenti in infrastrutture. Gli Stati Uniti sono il primo mercato per Buzzi Unicem (quasi 40% dei ricavi).

Bene il risparmio gestito: Banca Mediolanum +2,6%, Banca Generali +1,7%, Finecobank +0,7%, Azimut +0,2%.

Sale Telecom Italia +0,9%. L'Agcom ha adottato un atto di indirizzo in base al quale DAZN e Tim dovranno "definire prima dell'avvio della prossima stagione calcistica (22 agosto 2021) le modalità operative di distribuzione del traffico all'interno delle proprie reti e di gestione di eventuali malfunzionamenti utilizzando soluzioni tecniche basate sulle c.d. CDN "Edge" (Content Delivery Network), che consentono di minimizzare il ritardo nella fruizione dei contenuti richiesti preservandone la qualità". Secondo indiscrezioni di stampa DAZN punta a raggiungere i 2,6 milioni di clienti dagli 1,6 della scorsa stagione.

Mediaset +3,7% tocca i massimi da maggio 2018 all'indomani della prima riunione del cda eletto dall'assemblea di mercoledì. Confermati il presidente Fedele Confalonieri e Pier Silvio Berlusconi vicepresidente e amministratore delegato. Il board ha anche esaminato gli "andamenti del business in Italia che prevedono, nei primi sei mesi del 2021, una crescita dei ricavi pubblicitari totali di circa il 31,5%, rispetto allo stesso periodo del 2020", grazie al contributo fornito dal secondo trimestre: +65% a/a, risultato superiore alle aspettative di inizio anno. Da rimarcare il fatto che la raccolta pubblicitaria Tv di Publitalia 80 è tornata ai livelli visti nel primo semestre 2019, ovvero pre-pandemia.

Gli appuntamenti macroeconomici di oggi: alle 10:00 indici fiducia consumatori e imprese Italia, M3 eurozona, alle 11:00 bilancia commerciale (non EU) Italia e indice CBI (distribuzione) Regno Unito. Negli USA alle 14:30 consumi, redditi e inflazione PCE, alle 16:00 indice fiducia consumatori (Univ. Michigan).

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)