Piazza Affari sotto la parità. Bancari e petroliferi sotto pressione, bene le utility. FTSE MIB -0,33%.

Mercati azionari europei negativi. Wall Street in rosso: a ridosso della chiusura delle borse europee S&P 500 -0,3%, NASDAQ Composite -0,4%, Dow Jones Industrial -0,4%. A Milano il FTSE MIB ha terminato a -0,33% (performance settimanale +0,17%), il FTSE Italia All-Share a -0,33%, il FTSE Italia Mid Cap a -0,22%, il FTSE Italia STAR a -0,05%.

BTP stabili e spread in miglioramento. Il rendimento del decennale segna 0,70% (chiusura precedente a 0,72%), lo spread sul Bund 104 bp (da 105) (dati MTS).

Tra i dati macroeconomici pubblicati in giornata segnaliamo negli USA: indice fiducia consumatori (Univ. Michigan) luglio (preliminare) a 80,8 punti da 85,5 punti (atteso 86,5 punti); vendite al dettaglio giugno +0,6% m/m da-1,7% R (atteso -0,4%). Nell'eurozona: inflazione finale giugno +1,9% a/a da +2% a/a (atteso +1,9%); bilancia commerciale maggio a 7,5 mld di euro da 10,9 mld.

*Performance negative tra gli industriali: *Stellantis -2,01%, CNH Industrial -1,06%, Buzzi Unicem -1,00%, Cementir -3,07%, Fincantieri -2,21%.

Prosegue la fase di debolezza dei bancari: l'indice FTSE Italia Banche segna -1,09%, l'EURO STOXX Banks -1,8%. BPER Banca -3,22%, Banco BPM -2,17%, Unicredit -1,35%, Intesa Sanpaolo -1,06%. Due giorni fa Margarita Delgado, membro del Consiglio di vigilanza della BCE, ha dichiarato che anche dopo la rimozione della raccomandazione a non distribuire dividendi, l'Eurotower potrebbe invitare le banche alla cautela nella politica delle cedole e andare a verificare la solidità finanziaria dei singoli istituti.

Bene le utility in scia alla flessione dei rendimenti: quello del BTP decennale si è attestato allo 0,70% dalla chiusura precedente a 0,70%. Hera +1,05%, Enel +0,98%, A2A +0,70%, Terna +1,04%.

*Petroliferi negativi nonostante il recupero del greggio *dai minimi dall'8 luglio toccati a inizio mattinata. Il future settembre sul Brent segna 73,80 $/barile (minimo a 73), il future agosto sul WTI segna 72,05 $/barile (minimo a 71,20). Eni -0,79%, Tenaris -2,83%, Saipem -1,59%.

Debole il lusso nonostante i buoni dati di vendita di Burberry (-5,0% a Londra). A Milano Moncler -1,77%, Tod's -1,12%, Salvatore Ferragamo -2,05%. In controtendenza Brunello Cucinelli +1,10% che però è reduce dal -4,25% accusato ieri dopo che l'azionista di riferimento Fedone srl (aveva il 51% e fa capo al fondatore Brunello Cucinelli) ha completato la cessione di 646.000 azioni (pari allo 0,95% del capitale).

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)