Piazza Affari tocca nuovi massimi dal 2008. Brilla Ferrari. FTSE MIB +0,7%.

Il FTSE MIB segna +0,7%, il FTSE Italia All-Share +0,7%, il FTSE Italia Mid Cap +0,8%, il FTSE Italia STAR +0,7%.

BTP e spread in miglioramento. Il rendimento del decennale segna 0,96% (chiusura precedente a 0,98%), lo spread sul Bund 107 bp (da 108) (dati MTS).

Euro stabile contro dollaro sui minimi da inizio settimana scorsa dopo la flessione di ieri. EUR/USD al momento quota 1,1600 circa.

Mercati azionari europei in rialzo: EURO STOXX 50 +0,4%, FTSE 100 +0,4%, DAX +0,7%, CAC 40 +0,5%, IBEX 35 +0,8%.

Future sugli indici azionari americani positivi: S&P 500 +0,3%, NASDAQ 100 +0,6%, Dow Jones Industrial +0,2%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 +0,47%, NASDAQ Composite +0,90%, Dow Jones Industrial +0,18%.

Mercato azionario giapponese in netto rialzo, il Nikkei 225 stamattina ha terminato a +1,77%. Borse cinesi deboli: l'indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a -0,33%, l'Hang Seng di Hong Kong al momento segna -0,5%.

Ferrari +4,4% estende il rally di ieri e tocca il nuovo massimo storico a 208,30 euro. I rumor sulla vendita di PartnerRe a Covèa da parte della controllante Exor +0,7% per 9 miliardi di euro circa probabilmente stanno destando l'attenzione degli operatori, soprattutto riguardo all'impiego dell'eventuale incasso. Possibile un incremento della quota della holding della famiglia Agnelli in Ferrari (attualmente a 24,05%) o altre iniziative a sostegno della casa di Maranello.

Sale Banco BPM +0,7%. Lo stop delle trattative tra Unicredit +0,8% e MEF sulla vendita di Banca MPS hanno riportato in primo piano l'ipotesi di acquisizione da parte del gruppo guidato da Andrea Orcel.

Banca MPS, +0,8% a 1,0550 euro, estende il recupero dal minimo storico a 0,97 euro toccato ieri mattina. Secondo il Messaggero da ieri sono in corso negoziati formali con DG Comp (l'antitrust UE) su un nuovo piano industriale comprendente un aumento di capitale "di mercato", ovvero un'operazione in cui il MEF parteciperà in ragione della propria quota (64% circa) ma sarà accompagnato da misure compensative per rafforzare la banca senese

In rialzo Telecom Italia +1,2% dopo che l'AGCM ha deciso di respingere l'appello di SKY contro l'accordo con DAZN sui diritti della Serie A. L'istruttoria andrà avanti fino a fine giugno 2022 ma senza provvedimenti immediati. Lo riporta il Sole 24 Ore. Nella notte i risultati di TIM Brasil si sono rivelati in linea con le attese.

Petroliferi in flessione: il greggio perde terreno dai massimi della notte. Il future gennaio su Brent segna 84,90 $/barile (da 85,60 circa), il future dicembre sul WTI segna 83,36 $/barile (da 84,10 circa). Eni -0,4%, Tenaris -0,6%, Saipem -0,8%.

Gli appuntamenti macroeconomici di oggi: Negli USA alle 15:00 indice S&P-Case/Shiller (prezzi abitazioni) e indice FHFA (prezzi abitazioni), alle 16:00 vendite abitazioni nuove, indice fiducia consumatori (Conference Board) e indice Richmond Fed (manifatturiero).

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)