Avvio di ottava positivo a Piazza Affari che recupera terreno dopo lo scivolone di venerdì. Il Ftse MIB guadagna lo 0,93%, il Ftse Italia All Share lo 0,77% mentre il Ftse Italia Mid Cap è negativo -0,54 per cento.
BTP e spread in lieve miglioramento. Il rendimento del decennale segna 0,69% (chiusura precedente a 0,70%), lo spread sul Bund 101 bp (da 103) (dati MTS).
Dopo due ore circa dall'apertura gli indici di Wall Street sono contrastati. Bene Dow Jones e S&P 500, sotto la parità il Nasdaq.
A Milano in evidenza Pirelli&C (+2,58%). Il settore dello pneumatico mostra in Europa un'intonazione positiva e si notano buone performance della tedesca Continental che prevede per il 16 settembre la quotazione del suo spin-off Vitesco, un fornitore del settore. L'impatto della carenza di microprocessori sul comparto automotive sarebbe alla base della decisione.
I prezzi del petrolio continuano a recuperare terreno con il Brent in rialzo dello 0,7% a 73,4 dollari e il WTI a 70,3 dollari al barile (+0,9%). A spingere le quotazioni contribuirebbero i persistenti timori sulle forniture Usa dopo l'uragano Ida. In evidenza Eni (+2,48%), Tenaris (+3,44%) e Saipem (+3,92%).
Posotive anche le utility, con il FTSE Italia Utenze che guadagna l'1,46 per cento. Enel (+1,68%), Terna (+1,38%), Italgas (+1,16%), Hera (+1,23%) ed A2A (+0,22%). Si fa notare anche Iren (+1,72%): l'ad della società, Gianni Vittorio Armani, ha anticipato al Corriere della Sera l'intenzione di varare un piano industriale decennale con una forte crescita degli investimenti, oltre un miliardo di euro l'anno, diretti su transizione ecologica, decarbonizzazione, circolarità e qualità dei servizi.
Generali (+1,26%), dopo l'annuncio di un patto parasociale sul 10,95% circa del capitale da parte della holding di Leonardo Del Vecchio, Delfin, e di alcune società del gruppo Caltagirone per l'approvazione del bilancio 2021 e il rinnovo del board.
Unicredit ha chiuso in progresso dell'1,30%: sabato Il Sole 24 Ore ha sottolineato che il gruppo guidato da Andrea Orcel, in parallelo alle trattative con MPS, sta studiando un riassetto complessivo delle partnership nel settore della gestione patrimoniale e dell'assicurazione. Bene anche gli altri titoli del comparto con Intesa in progresso del 2,02%.
Spicca tra i minori il titolo di Safilo (+8,14%): la società ha siglato un accordo di licenza con Chiara Ferragni. Molto bene anche Retelit (+5,36% a 3,045 euro), dopo che Marbles ha migliorato le condizioni dell'offerta alzando il corrispettivo a 3,00 euro.
Sesa arretra (-2,78%). La società ha acquisito in data odierna, tramite la controllata Computer Gross, attiva nel settore Value Added Distribution ("VAD"), il controllo societario di Kolme Srl ("Kolme"), incrementando la propria partecipazione al 66% del capitale attraverso l'acquisto di un ulteriore 33%.
Sanlorenzo +4,19%. Il gruppo ha rivisto al rialzo la Guidance 2021 dopo la buona semestrale. Crescita a doppia cifra delle principali metriche, favorita da un portafoglio ordini che ha raggiunto un valore di 1.011,8 milioni di Euro al 31 agosto 2021, prima dell'apertura della stagione dei saloni nautici. Ricavi netti dalla vendita di nuovi yacht a 263,6 milioni di Euro, +43,2% rispetto al primo semestre del 2020. Risultato netto di Gruppo a 21,2 milioni di Euro, più che raddoppiato rispetto al primo semestre 2020. Posizione finanziaria netta di cassa a 26,4 milioni di Euro, in netto miglioramento rispetto ad un indebitamento finanziario netto di 23,5 milioni di Euro al 30 giugno 2020 ed a una posizione di cassa netta di 3,8 milioni di Euro al 31 dicembre 2020.

(AC - www.ftaonline.com)