RCS MediaGroup (-0,1% a 0,7070 euro) dovrà difendersi dalle richieste di risarcimento di Blackstone in un unico procedimento presso la Corte Suprema di New York. Il gruppo di private equity ha infatti deciso ieri di accorpare le due cause da circa 300 milioni di dollari l'una (totale 600 milioni di dollari, poco più di 500 milioni di euro) relative alla mancata vendita del complesso immobiliare di Via Solferino a Milano.

A metà maggio la Camera Arbitrale di Milano aveva comunicato che il Lodo definitivo relativo al contenzioso sulla vendita a Blackstone e contestuale locazione del complesso immobiliare di Via Solferino si è concluso con il rigetto delle domande risarcitorie di RCS e di Kryalos. Il gruppo editoriale controllato da Cairo Communication, secondo indiscrezioni di stampa, si difenderà puntando primariamente sul difetto di giurisdizione della Corte di New York.

Da un punto di vista grafico possiamo osservare che RCS nelle ultime sedute ha perso terreno avvicinandosi ai supporti a 0,69 euro. In caso di rottura verrebbe completato il potenziale doppio massimo in formazione da metà maggio, una figura ribassista avente obiettivo ideale a 0,58-0,60. Il superamento di 0,80 determinerebbe invece la riattivazione del rally partito a fine ottobre verso 0,90 in prima battuta, con obiettivo di medio-lungo termine sul massimo di fine 2019 a 1,12.

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)