Lieve rialzo in avvio Recordati +0,4% a 44,64 euro dopo la debole seduta di ieri (-3,31% a 44,47 euro). Il titolo ha toccato in mattinata, al culmine del crash dei mercati azionari, il minimo dall'11 marzo a 43,19. Venerdì scorso l'assemblea ha approvato i risultati 2021 e la distribuzione di un dividendo di 1,10 euro per azione (+4,8% sul 2020), di cui 0,53 già pagato a novembre. Il saldo di 0,57 euro verrà staccato il 16 maggio. I soci hanno anche nominato il cda per il triennio 2022-2024, confermati Andrea Recordati Presidente, Guido Guidi Vice Presidente e Robert Koremans Amministratore Delegato con le medesime deleghe già attribuitegli in precedenza. Il cda ha comunicato i ricavi del primo trimestre pari a 419,4 milioni di euro, +9,0% a/a e in linea con le aspettative del management.

  • L'analisi del grafico di Recordati mette in evidenza il recupero del titolo dal minimo* della mattinata di ieri a 43,19 euro e la chiusura a 44,47, sopra il supporto a 44,35. Le quotazioni hanno quindi evitato la ripresa del movimento ribassista in essere dal massimo dell'8 aprile a 49,83. In caso contrario si sarebbe prospettato un approfondimento in direzione di 40,33, minimo da giugno 2020 toccato l'8 marzo. Il superamento del recente massimo a 46,83 creerebbe le premesse per un attacco a 49,83: in caso di successo riattivazione del rimbalzo partito a inizio mese scorso verso 53 e il massimo storico 57,90 dello scorso agosto.

(Simone Ferradini - www.ftaonline.com)