Rimbalzo in avvio per il future Eurostoxx 50. Il future sale dello 0,54% a 3914 punti. La reazione tuttavia ha i connotati di un rimbalzo tecnico. Dopo un'altra seduta di decisa frenata per Wall Street (peggiore dei tre principali indici newyorkesi ancora il Nasdaq, deprezzatosi dello 0,92% martedì), alla ripartenza degli scambi sui mercati dell'Asia la tendenza in negativo è stata sostanzialmente confermata e questo rischia di condizionare negativamente anche i listini europei. L'ottimismo sulla crescita delle vaccinazioni in Usa ed Europa lascia il posto ai timori per una ripresa della pandemia, soprattutto in scia ai contagi record registrati in India. Timori che ora riguardano anche la solidità della ripresa dell'economia dalla crisi del Covid-19. In arretramento il petrolio su previsioni di un calo della domanda proprio a causa delle nuove restrizioni imposte in India (terzo maggiore importatore di greggio al mondo). Il mercato azionario Usa è ancora penalizzato dalle prese di beneficio, dall'attenzione sulla ripresa dell'inflazione (e i collegati timori per un possibile rialzo del costo del denaro) e sulla nuova crescita registrata nei contagi da coronavirus. Il future Eurostoxx 50 ha testato ieri con i minimi di quota 3889 la media mobile esponenziale a 20 giorni e la trend line rialzista che parte dai minimi di fine ottobre e passa per quelli di inizio marzo, la reazione di questa mattina tuttavia è troppo esigua per poter parlare di uno scampato pericolo. In caso di violazione di area 3888/89 rischio di cali almeno fino in area 3800, sulla media esponenziale a 50 giorni. Oltre 3930, dove transita la linea parallela a quella disegnata tra i minimi di marzo e ottobre 2020 tracciata a partire dal top del 26 marzo 2020, una linea dimostratasi fondamentale nel contenere il rialzo negli ultimi mesi, verrebbe invece inviato un segnale di forza introduttivo al ritorno sui massimi del 16 aprile a 4000 punti.

(AM - www.ftaonline.com)