Sì del Parlamento UE a gas e nucleare tra le attività sostenibili

Anna Fasano, Banca Etica: "Una grande operazione di greenwashing, una presa in giro per gli investitori che credono nella transizione ecologica".

Anna Fasano, Banca Etica: "Una grande operazione di greenwashing, una presa in giro per gli investitori che credono nella transizione ecologica".

Da oggi mercoledì 6 luglio 2022 in Europa finanziare il gas e il nucleare sarà considerato green. Con il voto di oggi del Parlamento Europeo l'energia prodotta con il gas e con il nucleare rientrano ufficialmente tra le attività economiche considerate "sostenibili", così come aveva proposto la Commissione Europea.

Con 328 favorevoli a gas e nucleare e 278 contrari il voto ha dimostrato che vi è stata battaglia e che una parte significativa del Parlamento Europeo ha ben compreso che così si sta stravolgendo e inficiando la coerenza e la credibilità degli impegni assunti in sedi internazionali per combattere il riscaldamento globale e promuovere una reale transizione energetica.

I pareri contrari dei tecnici nominati dalla stessa UE, le mobilitazioni degli attivisti e dell'intero movimento della finanza etica non sono bastate a evitare questa che, secondo noi, è un'incredibile incongruenza.

Ora i tantissimi risparmiatori e investitori europei che vorrebbero indirizzare le proprie risorse verso progetti green si troveranno davanti alla concreta possibilità di investire in prodotti che contengono anche azioni di società attive nel nucleare e aziende che estraggono e trasportano gas fossile.Nei giorni scorsi Banca Etica, la Federazione Europea delle Banche Etiche e Alternative (Febea), la Global Alliance for Banking on Values (Gabv) e le reti della microfinanza europee, MFC e EMN, avevano scritto agli europarlamentari per chiedere di escludere gas e nucleare dalla cosiddetta tassonomia green, spiegando che questo era l'unico modo per salvaguardare la credibilità dell'immenso lavoro fatto dalle istituzioni comunitarie negli ultimi anni per regolamentare il settore della finanza ESG. Abbiamo chiarito in ogni modo che escludere gas e nucleare dagli investimenti sostenibili non avrebbe significato impedire il finanziamento di questi settori, che avrebbero potuto continuare a raccogliere finanziamenti senza l'etichetta "sostenibile".

Il Gruppo Banca Etica continuerà con convinzione ad escludere dagli investimenti il nucleare e le fonti fossili come il gas e a puntare sullo sviluppo delle energie rinnovabili che, ad oggi, rappresentano la migliore opzione per la transizione ecologica e l'indipendenza energetica del nostro Paese e del Continente.

Continueremo a marcare la nostra differenza rispetto a chi propone come "green" prodotti finanziari che contengono emittenti appartenenti a settori e attività che reputiamo altamente nocivi o inquinanti, adesso anche con la validazione della UE.

Diventa sempre più importante il ruolo dei risparmiatori nello scegliere dove investire il denaro. Ci auguriamo che almeno la nuova normativa sarà applicata seriamente nella parte in cui impone alle società finanziarie di informare la clientela se nei prodotti venduti come sostenibili rientrano anche investimenti nel gas e nel nucleare.

Anna Fasano, presidente di Banca Etica

(AC - www.ftaonline.com)

Leggi Anche

Azioni Granolas, le magnifiche 10 delle borse europee, ecco cosa sono

Antonio Coppola

19 feb 2024