Saipem e WSense, start-up italiana nel campo dell'innovazione, hanno firmato un accordo di cooperazione per lo sviluppo di reti di comunicazione complesse per droni sottomarini.

I cosiddetti nodi intelligenti multifunzione saranno progettati e qualificati da Saipem e WSense per essere interfacciabili ai droni subacquei sviluppati da Sonsub, centro di eccellenza di Saipem per l'innovazione delle tecnologie sottomarine. Tali nodi rappresenteranno una svolta per l'interconnessione wireless di apparecchiature e sensori subacquei e l'integrazione di sistemi e tecnologie diversificate, con applicazioni che abbracciano diversi settori, tra cui quello dell'energia offshore, delle infrastrutture e della difesa.

Tramite stazioni installate sott'acqua i droni subacquei residenti di Saipem saranno in grado di eseguire in autonomia una serie di operazioni complesse che richiedono lo scambio di dati per il posizionamento e la supervisione delle infrastrutture sottomarine, realizzando così un Internet of Things (IoT) sottomarino potenziato. Il tutto nel totale rispetto dell'ambiente e contribuendo alla decarbonizzazione.

Per Saipem l'accordo costituisce un potenziamento del proprio programma di droni subacquei Hydrone ed un ulteriore ampliamento della propria offerta, mentre per WSense rappresenta un'occasione per dar prova della sicurezza e dell'affidabilità delle proprie competenze nelle reti di comunicazione wireless.

(RV - www.ftaonline.com)