SECO S.p.A. rende noto che, avendo superato la soglia di capitalizzazione di mercato pari ad Euro 500 milioni, non è più qualificabile come "PMI" (Piccola e Media Impresa) ai sensi dell'art. 1, comma 1, lettera w-quater.1) del D.Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, come successivamente modificato e integrato ("TUF"). Si ricorda quindi che, ai fini degli obblighi di comunicazione delle partecipazioni rilevanti, trova applicazione l'ulteriore soglia rilevante, ai sensi dell'art. 120 del TUF, pari al 3% del capitale sociale (da intendersi riferito, nel caso di società che prevedono la maggiorazione del voto come SECO, al numero complessivo dei diritti di voto). Pertanto gli azionisti che, alla data di pubblicazione di questo comunicato, siano titolari di partecipazioni superiori alla nuova soglia del 3% del capitale e inferiori al 5% dovranno darne comunicazione alla Consob e a SECO in conformità agli artt. 117, comma 2-bis, e 121, comma 3- bis, del Regolamento Emittenti Consob n. 11971/99, come successivamente modificato e integrato.

(RV - www.ftaonline.com)