Stellantis -3,85% perde terreno. Autonews riferisce che il gruppo sta procedendo con la riorganizzazione modello di distribuzione in Europa: l'obiettivo è avere maggiore controllo dei concessionari e pagare loro circa metà delle commissioni previste attualmente. Secondo Websim l'operazione porterà benefici non prima del medio termine, mentre nel breve potrebbe creare qualche problema a livello commerciale-produttivo e di bilancio causa maggior necessità di capitale investito. Dopo aver violato la trend line disegnata dai bottom di marzo 2020, coincidente a 16,50 circa con la neck line di un testa e spalle disegnato dai massimi di giugno, il titolo è precipitato a contatto con i minimi estivi a 14,85 circa. Sotto questo limite la correzione potrebbe proseguire fino al target della figura in area 12,80/13. Nel breve termine sono tuttavia possibili delle reazioni in risposta all'ipervenduto i cui sono sconfinati i principali oscillatori grafici. Solo il ritorno sopra quota 16,50 allenterebbe le recenti tensioni favorendo un recupero duraturo verso 17,50.

(CC - www.ftaonline.com)