Tesmec (+0,9% oggi in avvio a 0,1372 euro) ha chiuso la seduta di ieri in rialzo (+2,4%) in scia ai risultati del primo trimestre e alla guidance 2022. I ricavi salgono a 55,9 milioni di euro dai 49,0 milioni al 31 marzo 2021, l'EBITDA a 8,3 milioni, da 7,1 milioni (margine 14,8% da 14,5%), l'utile netto a 2,0 milioni da 1,1 milioni. Per il 2022 il management prevede ricavi superiori a 240 milioni (oltre +23% a/a rispetto ai 194,3 del 2021), un margine EBITDA superiore al 16% (14,5% nel 2021), un deciso miglioramento del risultato netto ed una riduzione dell'Indebitamento Finanziario Netto. Il titolo era salito nel corso della giornata fino a toccare un massimo a 0,144 euro ma i prezzi sono poi arretrati ridimensionando la portata del recupero.

Il quadro grafico resta incerto, il rimbalzo partito dai bottom di marzo si è fermato sull'ultimo dei ritracciamenti della discesa dai massimi annuali toccati a gennaio e se ora il supporto a 0,13 circa dovesse cedere, si farebbero elevate le possibilità di assistere al ritorno sui citati bottom di marzo in area 0,11. Necessaria una reazione dai livelli attuali ed il superamento di quota 0,145 per allentare le tensioni e prospettare un nuovo test a 0,1580, resistenza critica lungo il cammino che potrebbe riaccompagnare il titolo sui massimi a 0,188.

(AC - www.ftaonline.com)