Dopo la reazione di ieri Piazza Affari è tornata a scendera nella seduta odierna. Il FTSE MIB segna -0,87%, il FTSE Italia All-Share -0,81%, il FTSE Italia Mid Cap -0,39%, il FTSE Italia STAR +0,07%.
BTP in miglioramento e spread stabile. Il rendimento del decennale segna 0,97% (chiusura precedente a 1,00%), lo spread sul Bund 131 bp (da 130) (dati MTS).
Indici azionari americani in netto calo dopo due ore circa di scambi. Nel pomeriggio e' stato reso noto che l'Indice S&P/Case Shiller, che misura l'andamento dei prezzi delle abitazioni nelle 20 principali citta' americane, ha evidenziato nel mese di settembre un incremento del 19,1% rispetto allo stesso periodo del 2020, in rallentamento rispetto alla rilevazione precedente (+19,6%) e risultando inferiore al consensus fissato su un incremento del 19,3%.
L'Indice Prezzi Abitazioni pubblicato dalla Federal Housing Finance Agency (FHFA) è invece cresciuto dello 0,9% a settembre rispetto al +1% del mese precedente (consensus +1,2%). Da settembre 2020 a settembre 2021, i prezzi delle case sono aumentati del 17,7%, attestandosi a 354,6 punti.
Il Conference Board statunitense ha poi annunciato che l'Indice di fiducia dei consumatori e' sceso a 109,5 punti nel mese di novembre dai 111,6 punti del mese precedente (rivisto da 113,8). Il dato e' risultato inferiore alle previsioni degli addetti ai lavori che attendevano un indice pari a 111 punti. La valutazione dei consumatori riferita alle condizioni attuali è diminuita a 142,5 da 145,5 punti precedenti. In calo le aspettative dei consumatori per il mercato del lavoro scese a 87,6 da 89 punti precedenti.
A Milano seduta positiva per Diasorin +1,97% che, come di consueto, approfitta delle notizie negative sul fronte pandemia. Il gruppo è attivo nel settore dei test molecolari e scenari in cui nuovi ceppi del coronavirus fossero capaci di aggirare i vaccini potrebbero rendere strutturale la necessità di ricorrere a quantità massicce di tamponi. Stéphane Bancel, chief executive di Moderna, ha dichiarato al Financial Times che gli attuali vaccini non hanno la stessa efficacia sulla variante Omicron rispetto alla Delta.
Diametralmente opposta la reazione dei titoli del lusso: i conti dei gruppi del settore sono fortemente condizionati agli spostamenti internazionali, pertanto l'ipotesi di ripresa dei contagi e delle conseguenti restrizioni ai viaggi li penalizza. Moncler -0,8%, Salvatore Ferragamo -2,47%, Brunello Cucinelli -0,89%, Tod's -0,78%.
Comparto bancario contrastato con l'indice di settore in calo dello 0,37%. Unicredit ha chiuso in progresso dell'1,14%, Intesa Sanpaolo -1,28%, Credem +1,59%, Banca Mps -2,27%.
Stellantis in rosso, -2,75%. Autonews riferisce che il gruppo sta procedendo con la riorganizzazione modello di distribuzione in Europa: l'obiettivo è avere maggiore controllo dei concessionari e pagare loro circa metà delle commissioni previste attualmente. Secondo Websim l'operazione porterà benefici non prima del medio termine, mentre nel breve potrebbe creare qualche problema a livello commerciale-produttivo e di bilancio causa maggior necessità di capitale investito.
CNH Industrial -1,94%. Il gruppo ha annunciato oggi di aver completato l'acquisizione di Raven Industries, Inc., leader nella tecnologia per l'agricoltura di precisione con sede negli USA.
In calo i titoli del comparto Oil: il greggio scivola sui minimi da inizio settembre. Il future febbraio 2022 sul Brent segna 69,5 $/barile, il future gennaio sul WTI segna 66,40 $/barile. Eni -1,34%, Tenaris -2,91%, Saipem -1,81%.
Iren Smart Solutions SpA, controllata interamente da Iren (-1,34%) tramite Iren Energia, ha perfezionato l'acquisizione del 100% del capitale sociale di Bosch Energy and Building Solutions Italy Srl, società operante nel settore dell'efficientamento energetico.

(AC - www.ftaonline.com)