Unidata, operatore di Telecomunicazioni, Cloud e servizi IoT, quotata sul mercato AIM Italia di Borsa Italiana, comunica che il Consiglio di Amministrazione riunitosi in data 29 luglio 2021 sotto la presidenza di Renato Brunetti, ha esaminato i dati gestionali relativi al secondo trimestre 2021, redatti secondo i Principi Contabili Internazionali IAS/IFRS, rielaborando i dati comparati al 30 giugno 2020 secondo gli stessi principi come disposto dall'IFRS 1.

In sintesi, i dati del secondo trimestre 2021 Unidata chiude il secondo trimestre 2021 con Fatturato pari a circa 8,45 milioni di euro (in crescita del 53,9% rispetto ai 5,49 milioni euro dello stesso periodo del 2020). L'aggregato di Fatturato Q1 e Q2 2021 è pari a 16,03 milioni di euro, contro gli 8,63 del primo semestre 2020 (+85,7%). L'aumento del Fatturato del 2Q-2021 è attribuibile principalmente alla componente Fibra & Networking. La PFN al 30 giugno 2021 è cash positive per 1,39 milioni di euro rispetto ai 3,83 milioni di euro al 31 marzo 2021 e rispetto ai 3,42 milioni rispetto al 31 dicembre 2020. La variazione, rispetto ai due periodi precedenti, è dovuta principalmente gli investimenti realizzati che sono stati pari a circa 2 milioni di euro per ciascuno dei due trimestri.

Il secondo trimestre 2021 evidenzia piccole variazioni dell'Arpu dovute da fattori di adeguamento ai prezzi di mercato. In particolare, nel settore business, l'Arpu è stato pari a euro 511, in leggera diminuzione sia rispetto al 1Q-2021 (euro 523) sia rispetto al 2Q-2020 (euro 518). Il settore Micro Business riporta un Arpu pari a euro 72 rispetto a euro 73 del 1Q-2021 in aumento rispetto al pari periodo 2020 (69 euro).

Il settore retail (clientela residenziale) riporta un Arpu al 30 giungo 2021 di euro 23 (25 euro nel 1Q-2021 e 24 nel 2Q-2020. La lieve variazione del valore dell'Arpu è stata largamente compensata dall'andamento della base Clienti che, nel secondo trimestre 2021, ha fatto registrare un forte progresso sia rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente (+38,4%), sia rispetto al 1° trimestre 2021 (+7%).

L'incremento rispetto al 2Q-2020 riguarda sia il mercato dei Clienti Business, che segna un +11,8% (+4% rispetto al primo trimestre 2021) sia il settore dei Clienti Retail che registra un aumento del 45,9 % (+7,7% rispetto al 1° trimestre 2021).

Nel secondo trimestre 2021 la rete in fibra ottica si è ampliata di 306 Km di cavi proprietari, raggiungendo una estensione complessiva di 3.656 Km (2.640 Km al 30 giugno 2020). Nel primo semestre 2021 l'infrastruttura in fibra si è estesa per 671 Km.

Renato Brunetti, Presidente di Unidata: "I dati del 2° trimestre 2021 evidenziano un importante crescita del fatturato di Unidata e confermano il trend di sviluppo che passa attraverso l'ampliamento della rete in fibra, che ha raggiunto nuovi traguardi con il conseguente aumento del numero di clienti, e il miglioramento della posizione competitiva. Il progresso della situazione sanitaria avvenuta nel trimestre e la ripresa delle attività lavorative hanno ampliato la richiesta di servizi di connettività, segno che l'indirizzo, anche in una condizione di normalizzazione post pandemica, è quello di un maggiore impulso alla digitalizzazione. In questo senso, il focus dell'azienda continuano ad essere gli investimenti in infrastruttura e nello sviluppo di soluzioni cloud, datacenter e IOT per offrire servizi competitivi di alta qualità con particolare attenzione alla sostenibilità".

(GD - www.ftaonline.com)