Vendite sulla lira turca dopo il cambio al vertice della banca centrale

Vendite sulla lira turca nei mercati internazionali dopo la decisione del governo guidato da Recep Tayyip Erdogan di sostituire il presidente della Banca centrale della Turchia Naci Agbal.

Vendite sulla lira turca nei mercati internazionali dopo la decisione del governo guidato da Recep Tayyip Erdogan *di sostituire il presidente della *Banca centrale della Turchia Naci Agbal. I conflitti sulla politica monetaria dividevano da tempo il governo di Ankara dall'orientamento della banca centrale, in particolare sullo spinoso tema dei tassi d'interesse, ma la notizia del cambiamento al vertice della Banca ha comunque sorpreso i mercati. Al posto di Agbal viene insediato ?ahap Kavc?o?lu, un politico con formazione economica che aveva sostenuto la linea gradita a Erdogan di mantenere "relativamente" bassi i tassi di interesse nonostante un'inflazione oltre il 15%.

Giovedì 18 marzo, poco prima del week end in cui il governo ha deciso il cambiamento al vertice dell'autorità monetaria, il direttivo della banca centrale turca aveva deciso di alzare dal 17 al 19% i tassi d'interesse nel tentativo di domare un'inflazione vista in rapida crescita a seguito del positivo andamento dell'attività economica con la ripresa (il Pil turco sfiora il 6%).

Attualmente l'obiettivo della banca centrale turca è di un'inflazione nell'intorno del 5% (meno di un terzo dei livelli attuali come visto).

In una stringata nota il nuovo governatore della banca centrale turca ?ahap Kavc?o?lu ha ribadito di volere impiegare i propri strumenti per raggiungere il principale obiettivo di ottenere una caduta permanente dell'inflazione che alimenterebbe la stabilità macroeconomica, riducendo i premi al rischio del Paese e riducendo i costi di finanziamento.

In questo momento la lira turca perde il 9,95% sull'euro, con un rapporto *EUR/TRY *a circa 9,45. Ancora peggiore lo svantaggio di 12,78 punti percentuali della lira turca sul dollaro: il rapporto *USD/TRY *cade a 7,95 circa. In entrambi i casi si assiste a un relativo recupero dopo gli affondi delle prime ore del mattino.

(GD - www.ftaonline.com)