La Borsa di New York ha aperto l'ultima seduta della settimana in rialzo sostenuta dagli ottimi risultati di un trattamento sperimentale contro il coronavirus. Dow Jones, S&P 500 e Nasdaq avanzano dello 0,6% e aggiornano i record storici.
Tra i titoli in evidenza Pfizer +9%. Il gruppo farmaceutico ha annunciato che la pillola anti Covid-19 per via orale negli studi clinici ha dimostrato una efficacia di quasi il 90% contro la forma grave della malattia.
Airbnb +9%. La società di San Francisco (creatrice dell'omonima piattaforma per la condivisione di appartamenti tra privati) ha comunicato risultati per il terzo trimestre segnati dal rimbalzo dei ricavi di quasi il 70% annuo a 2,24 miliardi di dollari. Risultato che, oltre tutto, comporta un progresso del 36% rispetto al terzo trimestre 2019, prima dello scoppio della pandemia. I profitti netti sono decollati del 220% annuo (a 834 milioni, pari a 1,22 dollari per azione) e del 213% sul pari periodo di due anni fa. L'ebitda rettificato è invece salito del 120% annuo (251% sul terzo trimestre 2019) a 1,1 miliardi di dollari. Performance che ha superato di molto le attese di Wall Street: il consensus di FactSet era infatti per 478 milioni di dollari di profitti e 2,06 miliardi di ricavi.
Peloton Interactive -30%. Lo specialista dell'home fitness ha chiuso il primo trimestre con una perdita di 376 milioni di dollari contro l'utile di 69,3 milioni dello stesso periodo di un anno prima.
Sul fronte macroeconomico il Dipartimento del Lavoro ha reso noto che nel mese di ottobre i nuovi posti di lavoro, nei settori non agricoli, sono cresciuti di 531mila unita' dopo l'incremento di 312mila unità nella rilevazione precedente (rivisto da 194 mila unità). Le attese erano fissate su un incremento di 450 mila unità. Il tasso di disoccupazione si attesta al 4,6%, inferiore alla rilevazione precedente pari al 4,8% e alle attese (+4,7%). Cresce dello 0,4% il salario orario medio mensile risultando inferiore alla rilevazione di settembre (+0,6%) ma pari alle attese. Su base annua le retribuzioni crescono al ritmo del 4,9% dal +4,6% del dato precedente.

(RV - www.ftaonline.com)