La Borsa di New York ha chiuso la seduta in rialzo sostenuta dal calo dei rendimenti obbligazionari e dal comparto tecnologico. Il Dow Jones ha guadagnato lo 0,64%, l'S&P 500 lo 0,95% ed il Nasdaq Composite l'1,62%.
Positivi i settori considerati "difensivi" come utility, real estate ed healthcare.
Tra i titoli in evidenza Rite Aid Corporation +20,13%. La catena di drugstore ha migliorato la stima sui ricavi dell'esercizio fiscale 2023 a 23,6-24,0 miliardi di dollari. La forchetta è superiore alle attese degli analisti (consensus 22,91 miliardi).
Accenture -0,17%. Il colosso della consulenza ha abbassato le previsioni sull'utile per azione 2022 a 10,61-10,70 dollari da 10,61-10,81 dollari della precedente guidance.
Netflix +1,37%. Il colosso dello streaming potrebbe lanciare un abbonamento a basso costo grazie all'inserimento della pubblicità.
Occidental Petroleum +0,68%. La Berkshire Hathaway di Warren Buffett ha comprato 9,6 milioni di azioni circa (529 milioni di dollari) del gruppo petrolifero salendo al 16,3%. Berkshire è il maggiore azionista di Occidental Petroleum.
Sul fronte macroeconomico le nuove richieste di sussidi di disoccupazione, secondo quanto comunicato dallo U.S. Deparment of Labor (il ministero del Lavoro di Washington), sono calate nella settimana chiusa il 18 giugno a 229.000 unità dalle 231.000 precedenti, contro le 225.000 del consensus di Dow Jones Newswires e The Wall Street Journal.
Il deficit della bilancia delle partite correnti, secondo quanto comunicato dallo U.S. Bureau Of Labor Statistics (Bls, ente statistico alle dipendenze del ministero del Lavoro di Washington), è salito nel primo trimestre a 291 miliardi di dollari, dai 225 miliardi dell'ultimo periodo dello scorso anno (220 miliardi nel terzo trimestre), contro i 275 miliardi del consensus di Dow Jones Newswires e The Wall Street Journal. Il dato si confronta con il disavanzo di 189 miliardi del primo trimestre 2021.

(RV - www.ftaonline.com)