La Borsa di New York ha chiuso la seduta in rialzo (dopo tre ribassi consecutivi) sostenuta dal rassicurante dato sulle richieste di disoccupazione. Il Dow Jones ha guadagnato l'1,29%, l'S&P 500 l'1,22% ed il Nasdaq Composite lo 0,72%.
Il comparto petrolifero unico settore negativo in scia all'andamento del greggio.
Tra i titoli in evidenza Vroom +2,01%. Il rivenditore online di vetture usate ha comunicato per il primo trimestre perdite nette in crescita da 41 milioni a 77 milioni di dollari. Su base rettificata il rosso è invece salito da 32 a 57 centesimi per azione, sotto però ai 62 centesimi del consensus di FactSet. I ricavi sono rimbalzati del 57% annuo a 591 milioni di dollari, contro i 517 milioni stimati dagli analisti.
BJ's Wholesale Club Holdings +5,7%. JP Morgan ha alzato il rating sul titolo del retailer a "overweight" da "neutral".
Sul fronte macroeconomico le nuove richieste di sussidi di disoccupazione nella settimana terminata il 30 aprile si sono attestate a 473 mila unità, inferiori alle attese (490 mila) e al dato della settimana precedente (507 mila unità). Il numero totale di persone che richiede l'indennità di disoccupazione (calcolato sui dati al 30 aprile) si attesta a 3,660 milioni, superiore a 3,700 milioni della rilevazione precedente (attese 3,655 milioni).
Il Dipartimento del Lavoro ha comunicato che l'indice grezzo dei prezzi alla produzione ha evidenziato, nel mese di aprile, una crescita dello 0,6% su base mensile dopo una variazione positiva dell'1% nel mese precedente (consensus +0,3%). Su base annuale il PPI è cresciuto del 6,2% risultando superiore al consensus e alla rilevazione precedente, rispettivamente fissati su una crescita del 5,9% e del 4,2%. L'indice core (esclusi energetici ed alimentari) è aumentato dello 0,7% su base mensile (consensus +0,4%) pari alla rilevazione precedente. Su base annuale, l'indice Core ha fatto segnare un incremento pari al 4,1%, superiore alla rilevazione precedente fissata al 3,1% e alle attese pari al +3,7%.

(RV - www.ftaonline.com)