Mini Future e Copertura di Portafoglio

Per chi presenta un profilo di rischio medio/alto e vuole dare leva ai propri investimenti è possibile investire nei Mini Future Certificate, prodotti finanziari innovativi e adatti ai piccoli investitori.

Caratteristiche dei Mini Future Certificate 

I Mini Future sono prodotti finanziari che permettono all’investitore di assumere una posizione al rialzo o al ribasso a seconda delle proprie esigenze di investimento. Pertanto, esisteranno rispettivamente i Mini Long Certificate o i Mini Short Certificate. Questi prodotti sono, inoltre, caratterizzati da un effetto leva che permette di trarre beneficio dai rialzi o dai ribassi del sottostante.

In caso di movimenti avversi all’investitore, la perdita massima è limitata al solo capitale investito. I Mini Futures si caratterizzano infatti per la presenza di un livello di Knock-Out, che se raggiunto dal sottostante determina l’estinzione anticipata del Certificate (con conseguente perdita, parziale o totale, sul capitale investito). La leva nei Mini Future è dinamica.

Sulla base della distanza tra sottostante e livello di strike la leva è soggetta a cambiamenti continui. La Leva nei Mini Future Certificate è facilmente calcolabile ed è data dal rapporto tra il Valore del sottostante e il Prezzo dei Mini Future, moltiplicato per Parità ed eventuale Tasso di Cambio. Il livello della Leva viene fissato dall’investitore nel momento dell’acquisto. Pertanto non soffrono del compounding effect. 

Inoltre, lo strike e il livello Knock-Out vengono rivisti giornalmente sulla base dei costi di finanziamento.Differentemente da quanto prevedono gli prodotti finanziari quali Future, Forward e Opzioni, i Mini Future Certificate non richiedono il versamento di margini. L’investimento si configura, quindi, come un investimento ideale non solo per fini puramente speculativi ma anche di copertura.

È possibile investire in Mini Future Certificate su sottostanti denominati in valute diverse dell'euro, con la conseguenza che ai rischi legati alla variazione sfavorevole del sottostante si vanno ad aggiungere in questo caso anche quelli valutari. I Mini Future Certificate ben si adattano alla finalità di copertura del portafoglio per proteggersi dai rischi di mercato.

Supponiamo per esempio che un investitore sia esposto all’indice FTSE MIB per un valore di 50.000 euro. L’investitore può decidere di coprire la sua posizione acquistando un congruo numero di Mini Futures Short sull’indice FTSE MIB (nello specifico, 20.623 unità; il Tool di Copertura disponibile sul sito di BNP Paribas permette di calcolare il numero esatto).

Scegliendo una leva pari, per esempio, a 5x, il capitale che è necessario impiegare per coprire la propria posizione è pari a circa 10,000 euro, cioè un quinto del valore della posizione nell’indice. In questo modo, ogni variazione, al rialzo oppure al ribasso, dell’indice, verrà compensata da una variazione uguale ma di segno opposto sulla posizione in Mini Futures. Usa il calcolatore di BNP Paribas per capire come proteggere il tuo portafoglio.

I Mini Future Certificate sono quotati sul segmento SeDeX di Borsa Italiana S.p.A. che garantisce trasparenza e facilità di negoziazione negli orari e nei giorni di apertura dei mercati.

Curiosità: Differenze tra Mini Future e Turbo certificate

Il funzionamento dei Mini Future e dei Turbo è abbastanza simile: entrambi sono certificati a leva variabile con un meccanismo di stop-loss rappresentato dal livello di Knock-Out. Ciononostante, ci sono due principali differenze fra queste tipologie di prodotti:

  • La prima è rappresentata dalla scadenza. Al contrario dei Turbo, che hanno scadenze brevi (generalmente di qualche mese), i Mini Future hanno scadenze di diversi anni, che consentono di realizzare efficaci strategie di copertura;
  •  La seconda differenza è data dal fatto che nei Mini Future il livello di Knock-Out e lo Strike non coincidono. Questo fa sì che i Turbo possano potenzialmente raggiungere leve più alte dei Mini Futures.

Pillole sui Certificate

I Certificate in Italia sono apparsi nel 1998 con la quotazione dei primi prodotti finanziari sul SeDeX, l'apposito segmento di scambi dove vengono negoziati sia i Certificate a leva come i Mini Future, sia quelli senza effetto leva che rientrano nella famiglia dei cosiddetti Investment Certificate. 

Attualmente su Borsa Italiana vengono negoziati Certificate a Leva di BNP Paribas nella sua funzione di market maker responsabile della liquidità in qualsiasi istante durante la contrattazione di borsa. Scopri di più sui Mini Future Certificate.