Analisi ENEL

ENEL è di recente sotto i riflettori a Piazza Affari, dopo la pubblicazione del piano industriale 2023-2025. La strategia della società prevede un piano di dismissioni di circa 21 miliardi di euro in termini di contributo positivo alla riduzione dell’indebitamento netto.

analisi-enel-251122

ENEL è di recente sotto i riflettori a Piazza Affari, dopo la pubblicazione del piano industriale 2023-2025. La strategia della società prevede un piano di dismissioni di circa 21 miliardi di euro in termini di contributo positivo alla riduzione dell’indebitamento netto.

Entro il 2025, la big cap italiana prevede di gestire un totale di circa 75 GW di capacità rinnovabile, pari a circa il 75% della produzione totale, portando la quota di generazione senza emissioni a circa l’83%. Nel triennio, gli investimenti del gruppo saranno pari a circa 37 miliardi di euro e principalmente concentrati nei sei Paesi “core” (Italia, Spagna, USA, Brasile, Cile e Colombia).

Il gruppo prevede di raggiungere, nel 2025, un’Ebitda ordinario tra i 22,2-22,8 miliardi di euro, rispetto ai 19,0-19,6 miliardi indicati nel 2022, con un CAGR compreso tra il 4 e il 6%. L’utile netto ordinario è stimato tra i 7-7,2 miliardi di euro, rispetto ai 5-5,3 miliardi di euro indicati per l’esercizio in corso, con un CAGR del 10-13%.

SCENARIO RIALZISTA

Strategie long valutabili da 5 euro con stop loss a 4,85 euro e obiettivo a 5,50 euro.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO LONG 3,6993 NLBNPIT1DU45 OPEN END

TURBO LONG 3,9695 NLBNPIT1CXT9 OPEN END

SCENARIO RIBASSISTA

Strategie short valutabili da 5,85 euro con stop loss a 6,20 euro e obiettivo a 5 euro.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO SHORT 6,2316 NLBNPIT18CH6 OPEN END

TURBO SHORT 6,5336 NLBNPIT175O6 OPEN END