FTSE MIB

Il Ftse Mib ha chiuso la seduta di ieri in rialzo, portandosi oltre il livello chiave dei 17.000 punti. In intraday, dopo una partenza in gap up, l’indice italiano ha continuato a salire fino al massimo a 17.830 punti, sfiorando solo per un attimo la trend line ribassista costruita sui massimi del 20 febbraio e 4 marzo. Sotto il profilo grafico, il superamento dei 17.500 punti aprirebbe la strada verso i successivi target a 17.800 e 18.000 punti. Invece, la rottura al ribasso dei 16.500 punti potrebbe provocare discese verso 16.200 e 16.000 punti.

SCENARIO RIALZISTA

Long sopra 17.500 punti, con stop sotto 17.200 punti. Target a 17.800 e 18.000 punti.

SCENARIO RIBASSISTA

Short sotto 16.500 punti, con stop sopra 16.800 punti. Target a 16.200 e 16.000 punti.

EUROSTOXX 50

Sessione positiva anche per l’Euro Stoxx 50 che è riuscito ad aggiuntare quota 2.800 punti. Dal grafico intraday si denota un’apertura in forte rialzo dell’indice europeo che poi ha accorciato le distanze dalla trend line ribassista costruita sui massimi del 21 febbraio e 4 marzo. In tale scenario, con il superamento dei 2.850 punti, l’indice potrebbe mettere nel mirino le successive resistenze a 2.900 e 2.950 punti. Al ribasso, invece, con un ritorno sotto i 2.750 punti, i primi target si collocano a 2.700 e 2.650 punti.

SCENARIO RIALZISTA

Long sopra 2.850 punti, con stop sotto 2.800 punti. Target a 2.900 e 2.950 punti.

SCENARIO RIBASSISTA

Short sotto 2.750 punti, con stop sopra 2.800 punti. Target a 2.700 e 2.650 punti.

DAX

Il Dax ha terminato la seduta in territorio positivo, accorciando le distanze dalla soglia psicologica dei 10.000 punti. In intraday lo sprint iniziale ha portato l’indice tedesco fin sopra la trend line ribassista descritta dai massimi del 21 febbraio e 5 marzo, ma solo per un breve periodo. Sotto il profilo tecnico, sarà necessario il break dei 10.000 punti per dare ulteriore sfogo ai rialzisti verso i target a 10.200 e 10.300 punti. Al contrario, con la rottura al ribasso degli 9.500 punti il Dax potrebbe virare verso i successivi supporti a 9.300 e 9.200 punti.

SCENARIO RIALZISTA

Long sopra 10.000 punti, con stop sotto 9.800 punti. Target a 10.200 e 10.300 punti.

SCENARIO RIBASSISTA

Short sotto 9.500 punti, con stop sopra 9.700 punti. Target a 9.300 e 9.200 punti.