Dopo una veloce discesa sui 13.500 punti, le quotazioni del DAX sono riuscite a rialzare la testa, recuperando con rapidità il supporto di breve periodo a 12.600 punti. La struttura grafica non è cambiata molto: per i venditori, un segnale favorevole arriverebbe con la flessione sotto il livello di concentrazione di domanda a 12.400 punti, lasciato in eredità dai top del 29 aprile 2019. Se tale intorno dovesse cedere, si potrebbe assistere ad una nuova accelerazione del downtrend, il quale potrebbe raggiungere la successiva area psicologica dei 12.000 punti. Al contrario, verrebbe interpretata positivamente un’accelerazione oltre i 13.000 punti. Nel caso in cui ciò dovesse avvenire, si potrebbe osservare un arrivo dei corsi dapprima sui 13.250 punti, per poi passare al test dei 13.500 punti, dove passano la linea di tendenza ottenuta collegando i massimi del 21 giugno e 20 luglio 2022 e quella che unisce i top del 5 gennaio e 6 giugno 2022. Da un punto di vista operativo, si potrebbero sfruttare le eventuali ripartenze dai 12.400 punti per valutare strategie long. Lo stop loss sarebbe identificabile a 12.300 punti, mentre l’obiettivo sarebbe posizionabile a 12.600 punti. Al contrario, l’operatività di matrice short sarebbe valutabile dalle resistenze a 13.270 punti. Lo stop loss sarebbe posizionabile a 13.500 punti e il target collocabile a 12.900 punti.

SCENARIO RIALZISTA

Strategie long valutabili da 12.400 punti con stop loss a 12.300 punti e obiettivo 12.600 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO LONG 10.077,0500 NL0014922841 OPEN END

TURBO LONG 10.630,4800 NL0014922858 OPEN END

SCENARIO RIBASSISTA

Strategie short valutabili da 13.270 punti con stop loss a 13.500 punti e obiettivo a 12.900 punti.

PRODOTTO BARRIERA ISIN SCADENZA

TURBO SHORT 15.335,8500 NLBNPIT17L85 OPEN END

TURBO SHORT 15.719,7800 NLBNPIT11V22 OPEN END