Ecco la view di Renato Decarolis su Eni. L’impostazione ribassista è partita con una candela rossa dello scorso 4 aprile dopo aver fallito il break della resistenza poco sotto i 10 euro. Da lì il titolo ha iniziato una discesa toccando anche un nuovo minimo di periodo. Ora come ora Eni potrebbe approcciare il livello di supporto sotto i 7 euro. Sola una ripartenza della Cina, il più grande consumatore di petrolio, potrebbe risollevare tutto il settore energetico italiano, compreso Eni.

SCENARIO RIALZISTA

Long sopra 8,4 euro, con stop sotto 8 euro. Target a 9 e 10 euro.

SCENARIO RIBASSISTA

Short sotto 7,6 euro, con stop sopra 8,2 euro. Target a 7 e 6,26 euro.