Eni prosegue nel suo movimento laterale avviato sostanzialmente all’inizio di maggio. Il titolo ha sofferto molto la recente debolezza del prezzo del petrolio. Per Eni i livelli da monitorare in attesta di spunti sono due. Al rialzo, sarà necessario il break dei 9 euro per poi mettere nel mirino i successivi target a 9,6 e 10 euro. Al ribasso, invece, il supporto chiave si colloca a 8 euro. La rottura darebbe un segnale di debolezza e potrebbe innescare accelerazioni verso il basso con target 7,6 e 7 euro.

SCENARIO RIALZISTA

Long sopra 9 euro, con stop sotto 8,4 euro. Target a 9,6 e 10 euro.

SCENARIO RIBASSISTA

Short sotto 8 euro, con stop sopra 8,6 euro. Target a 7,6 e 7 euro.